Tra le prove prodotte dal terzo ufficiale di coperta della nave Bana battente bandiera libanese ma scortata da militari turchi, per sostenere l’utilizzo del cargo per il traffico d’armi in Libia, c’è anche questo filmato fatto circolare su Twitter a fine gennaio. Forse è stato prodotto dallo stesso giovane marittimo che, con la sua testimonianza, ha dato il via alle indagini sulla nave attualmente in stato di fermo al porto di Genova. Le immagini sono state giudicate molto attendibili dagli investigatori, che hanno potuto verificare come siano state effettivamente girate all’interno della nave, ora riverniciata per nascondere le tracce dei cingolati.
Secondo quanto sostenuto dagli inquirenti sulla base delle indagini la nave sarebbe entrata a Tripoli, scortata da due navi militari turche, lo scorso 28 gennaio, per consegnare mezzi e armi al Governo di Accordo Nazionale (Gna) guidato da Fayez al-Sarraj in violazione dell’embargo Onu. Questi i nomi e codici identificativi deI mezzi ripresi in questo e altri video che dimostrerebbero lo scarico in Libia: FNSS ACV-15, T-155 Fırtına, BMC Kirpi, Obuster 155mm, 302mm TR-300 Kasirga
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia, Procura di Genova indaga per “traffico internazionale di armi” dalla Turchia a Tripoli. “Su vecchio cargo i carri armati per al-Sarraj”

next