A Hong Kong persistono i timori del contagio da coronavirus e in questo San Valentino mascherine e disinfettanti sono regali più graditi dei fiori. Quasi un milione e mezzo di persone oggi si sono messe ‘in coda’ online per acquistare mascherine protettive dalla catena di farmacie Watsons. Prima che la pagina online dove era possibile prenotare le mascherine venisse chiusa nel pomeriggio, ha riferito Watsons all’emittente locale Rthk, le persone che si erano registrate erano 1,49 milioni. Di queste, solo 30mila sono riuscite ad acquistare realmente l’accessorio. A partire dall’apertura della pagine, a mezzogiorno, nel giro di due minuti le persone ‘in coda’ per acquistare i pacchi contenenti 50 mascherine erano balzate a 700mila. La carenza di strumenti protettivi contro il coronavirus a Hong Kong, aggiunta al timore di contagio dalla Cina, ha provocato in questi giorni interminabili code davanti alle farmacie o ai negozi specializzati.

Nel giorno di San Valentino, a subire gli effetti della paura da contagio sono i fiorai, che hanno visto ridursi del 50% la loro attività rispetto allo scorso anno: data la minaccia del coronavirus, gli innamorati preferiscono scambiarsi mascherine e disinfettanti. Un sondaggio, condotto dall’agenzia di incontri HK Romance su un campione di 572 persone fra uomini e donne, mostra che il 30% delle donne quest’anno preferisce ricevere questi oggetti in dono, il 18% continua però a preferire fiori, il 14% gioielli o orologi e il 9% voli e alloggi in albergo. Tra gli uomini è il 32% a preferire mascherine e disinfettanti, il 19% non vuole alcun dono e l’11% invece spera in prodotti elettronici. L’agenzia d’incontri intende inoltre organizzare lezioni per insegnare a realizzare da soli le mascherine che sono ormai introvabili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, contagio per uno straniero in Egitto: è il primo caso in Africa. Partito volo per il rimpatrio 17enne italiano bloccato a Wuhan

next