Insieme ad altre due colleghe ha isolato e sequenziato il coronavirus in Italia, all’Istituto Spallanzani. Ma all’interno del team soltanto lei era precaria. Ora però l’assunzione a tempo indeterminato di Francesca Colavita all’interno della clinica romana è “imminente” e restano soltanto da attendere i tempi tecnici.

Per la ricercatrice trentenne, originaria di Campobasso, si apre così definitivamente la strada della ricerca. L’Istituto Spallanzani ha infatti ottenuto dall’Azienda sanitaria regionale del Molise il nulla osta, richiesto l’8 novembre 2019, necessario per poter assumere la ricercatrice, attingendo alla graduatoria dei vincitori e idonei al concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di un posto di dirigente Biologo della disciplina di Microbiologia e Virologia, che vede la giovane collocata al 17/o posto. Proprio la sua vicenda ha riaperto il dibattito sulla condizione di precarietà che accomuna tanti ricercatori italiani. Sul tema è anche intervenuto il ministro per la Ricerca e l’Università, Gaetano Manfredi, il quale ha assicurato come combattere la precarietà dei ricercatori sarà “la sua priorità”.

Colavita – che ha isolato il nuovo coronavirus con le colleghe Maria Capobianchi e Concetta Castilletti – ha una vasta esperienza anche nello studio del virus Ebola. Allo Spallanzani ha un contratto di collaborazione e lavora presso il laboratorio di Virologia e Biosicurezza. Ha partecipato a progetti di sicurezza e cooperazione allo sviluppo in Sierra Leone nel laboratorio installato presso il ‘Princess Christian Maternity Hospital’ di Freetown. Una grande esperienza, dunque, maturata contestualmente sul campo. Tanto che lo Spallanzani ha ottenuto di poter procedere alla sua assunzione “in considerazione della vocazione per la ricerca piuttosto che per l’assistenza, nonché per la lodevole attività professionale che ha assicurato nell’ambito dell’emergenza sanitaria attuale di rilevanza nazionale e internazionale”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auchan-Conad, nel passaggio il gruppo Margherita chiede la cassa integrazione per oltre 5mila dipendenti su 8800

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Anpal: “40mila beneficiari hanno trovato lavoro”. I convocati dai Centri per l’impiego sono 529mila

next