A metà dicembre i famigliari avevano denunciato la sua scomparsa. Ieri il corpo di Speranza Ponti, 50enne originaria di Uri, è stato trovato dai carabinieri nell’area residenziale che comprende il Resort Vista Blu di Alghero, la città in cui si era trasferita “per amore” dopo diversi anni trascorsi a Genova. E proprio dall’interrogazione del compagno della vittima, Massimiliano Farci, 53 anni, i militari sono riusciti a risalire al luogo in cui era nascosto il cadavere: l’uomo ha raccontato, in presenza del suo legale e dopo numerose contestazioni a suo carico, che la donna si era suicidata il 6 dicembre e che aveva nascosto il suo corpo in una zona di campagna vicino ad Alghero. Nonostante le sue dichiarazioni, la Procura l’ha comunque sottoposto a fermo per omicidio, in attesa della convalida da parte del gip, nel carcere di Bancali, a Sassari.

Dalle indagini è emerso che il 53enne di Assemini (Cagliari), era già stato condannato nel 1999 insieme al fratello Alessandro per l’omicidio di Roberto Baldussi, conosciuto come “delitto della Lutus Rossa”: i due, infatti, erano stati ritenuti responsabili della morte del ragioniere di San Sperate per impossessarsi della sua auto. Allora Farci venne condannato all’ergastolo. Tuttavia, dopo aver scontato una ventina d’anni di carcere ha ottenuto la semi-libertà: di notte rientrava nel carcere di Alghero, ma di giorno gestiva una pizzeria.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolzano, donna incinta trovata morta in casa: arrestato il marito, è accusato di omicidio pluriaggravato

next
Articolo Successivo

Bruciato vivo in auto, tre arresti: moglie, amante e figlio del primo matrimonio

next