Le Sardine sono pronte a rinunciare alla piazza di Bibbiano “se anche la Lega rinuncerà a quella piazza”. A dirlo, in un video pubblicato su Facebook, il leader del movimento, Mattia Santori, dopo la richiesta della questura di spostare un evento previsto per il 23 di gennaio nel paese emiliano per lasciare spazio a un comizio del Carroccio. “Noi abbiamo un’autorizzazione. Alle quattro abbiamo un appuntamento con la questura che sta cercando di trovare una quadra per permettere sia alle Sardine che alla Lega di avere una manifestazione – spiega Santori – Ma prima ancora di questo incontro chiediamo alla Lega un gesto di responsabilità. Siamo pronti a rinunciare, ma chiediamo il primo gesto di civiltà da parte della Lega in questa campagna elettorale. Lasciamo stare Bibbiano e parliamo di contenuti”. Solo se anche il partito guidato da Matteo Salvini rinuncerà alla piazza, le Sardine sono pronte ad annullare l’evento. “Non litigheremo per le piazze. Non strumentalizziamo un caso di magistratura che non ha nulla a che vedere con il futuro dell’Emilia Romagna”, conclude nella clip il leader delle Sardine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gregoretti, Zingaretti: “Casellati doveva garantire equidistanza: non l’ha fatto”. E attacca: “Salvini chiacchiera, noi cambiamo le cose”

next
Articolo Successivo

M5s, Di Maio in Calabria: “Capo politico da solo non ce la può fare. ‘Ndrangheta? Non esiste senza la politica corrotta”

next