Un operaio di 42 anni, al lavoro nel cantiere della nuova linea 4 della metropolitana di Milano, è morto dopo esser rimasto semisepolto dai detriti a 18 metri di profondità. L’incidente è avvenuto lunedì alle 18.40 in piazza Tirana. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, il 42enne è andato in arresto cardiocircolatorio subito dopo essere riuscito a liberarsi dai detriti. Immediato l’intervento dei soccorritori del 118 che hanno eseguito le manovre di rianimazione. Disperata la corsa all’ospedale San Carlo: è stato subito intubato dai medici, che hanno proseguito con i tentativi di rianimazione, ma l’operaio è morto poco dopo il ricovero. Sul posto dell’incidente anche i carabinieri e i vigili del fuoco.

Domani saranno sospesi i lavori in segno di lutto: “Martedì fermiamo i lavori della nuova linea della metropolitana – ha spiegato l’assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli – e parteciperò a una cerimonia religiosa che si terrà al campo base di Buccinasco”. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha espresso il suo cordoglio alla famiglia attraverso una nota: “Ho appreso poco fa della tragica morte del caposquadra che stava lavorando nel cantiere della M4. Voglio esprimere il cordoglio alla sua famiglia e la vicinanza ai suoi colleghi, sono profondamente costernato per quanto accaduto. Siamo a disposizione della famiglia per tutto quanto necessario in questo difficile e tragico momento”. Anche la società M4 spa si è detta “affranta”per quanto successo: il presidente Fabio Terragni ha detto che la società è “a disposizione delle autorità affinché possa essere chiarita con il massimo rigore la dinamica dell’incidente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Meningite, sesto caso in un mese e mezzo nel Bergamasco: in ospedale il marito della donna morta 10 giorni fa

next
Articolo Successivo

Palermo, “falsi invalidi che ballavano e guidavano l’auto”: due arresti per truffa all’Inps

next