“Se lei ritiene che la politica sia stata un pranzo di gala, non è così. Questi sono i fatti, il resto sono chiacchiere“. Un esempio? La vita di Giulio Andreotti. Per l’ex leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, ospite della seconda puntata de ‘La Confessione’ di Peter Gomez, in onda su Nove venerdì 20 dicembre alle 22.45, le vicissitudini dell’ex sette volte presidente del Consiglio dimostrano che “la politica non è fatta di anime candide“. Il direttore de ilfattoquotidiano.it ripercorre la posizione che Casini, allora presidente della Camera nel governo Berlusconi II, tenne nel 2004 quando arrivò la famosa sentenza per il processo di mafia. “Lei disse: ‘E’ stato assolutamente improprio tutto quello che c’è stato nei suoi confronti, a volte addirittura persecutorio‘ – gli ricorda il giornalista – Però è anche vero che quella sentenza diceva che il reato di associazione semplice con Cosa Nostra fino al 1980 era stato commesso“. Il senatore bolognese non è d’accordo: “Gomez, ci dobbiamo mettere d’accordo io e lei: o valgono le sentenze o valgono le presunzioni. Per me valgono le sentenze”. Del resto, “Andreotti è stato accusato di essere il mandante dell’omicidio di Mino Pecorelli, è stato accusato di tutte le nefandezze del mondo – prosegue Casini – Alla fine è stato assolto. Ha pagato un prezzo pesantissimo“. Il giornalista, però, controbatte: “Prescritto fino al 1980″. L’ex presidente della Camera non entra nel merito della sentenza, ma sostiene: “Io non vengo qui vendendole il fatto che la politica è fatta di anime candide. Se lei ritiene che la politica sia stata un pranzo di gala, non è così”. Gomez, però, carte alle mano, legge dalla sentenza Andreotti: “Con la sua condotta ha, non senza personale tornaconto, consapevolmente e deliberatamente coltivato una stabile relazione con il sodalizio criminale“.

‘La Confessione’ è prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito e app di Loft da venerdì 27 dicembre. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Confessione (Nove), Ventura a Gomez: “Corona? È stato diabolico, ma non intelligente. Per paura registravo colloqui con lui”

next
Articolo Successivo

‘Le Sardine fanno il pallone’, su Loft il 10 gennaio in chiaro il reportage sul movimento che riempie le piazze

next