Un aereo militare cileno è scomparso dai radar con a bordo 38 persone, di cui 17 membri dell’equipaggio e 21 passeggeri. Per l’aeronautica militare cilena il velivolo è da considerarsi “distrutto” dopo “sette ore da quando si è perso il segnale. Tutte le risorse navali e aeree disponibili nella zona, sia cilene che straniere, stanno ancora perlustrando la zona dove sono stati persi i contatti radio nel tentativo di soccorrere eventuali sopravvissuti”, precisa l’aeronautica in una nota.

L’aereo C-130 Hercules, secondo l’aeronautica, probabilmente ha finito il carburante dopo circa otto ore di volo: era decollato alle 16.55, ore locali, dalla base aerea di Chabunco a Punta Arenas, nel sud del Cile, diretto alla base Presidente Eduardo Frei Montalva Base. Si sono persi i contatti radio alle 18.13.

In un tweet il presidente Sebastian Pinera ha informato che sarebbe volato a Punta Arenas insieme al ministro degli Interni Gonzalo Blumel per incontrare il ministro della Difesa Alberto Espina e per monitorare le ricerca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tunisia, ragazzo si dà fuoco perché disoccupato. Quasi 60 tentativi di suicidio negli ultimi tre mesi a causa del disagio sociale

next
Articolo Successivo

Russia-Ucraina, prove di distensione: i 6 punti dell’accordo raggiunto al vertice di Parigi per il cessate il fuoco nel Donbass entro fine 2019

next