Il pantano del Del Conero, il baffo di Guerini, i piedi sopraffini sotto qualche chilo di troppo di Lajos Detari, l’Inter che viene annichilita e perde 3 a 0: un battesimo leggendario quello del nuovo stadio di Ancona, 27 anni fa, il 6 dicembre del 1992.

La storia era già stata fatta: la squadra dell’imprenditore Longarini, guidata dall’emergente Vincenzo Guerini, era riuscita a centrare la prima promozione in A l’anno prima coi gol di Tovalieri e Bertarelli, le parate del portierone Nista e la difesa solida formata da Sogliano, Fontana e Marco Pecoraro Scanio, fratello minore dell’ex ministro e leader dei Verdi, Alfonso.

La campagna acquisti per la prima storica stagione in A è di tutto rispetto, considerate le dimensioni e le forze del club marchigiano: l’attacco viene rinnovato totalmente e dal Parma arriva Il Condor Massimo Agostini, dal Norimberga El Raton, Sergio Zarate, fratello maggiore di Maurito che sarebbe poi arrivato alla Lazio, e soprattutto viene preso il fantasista ungherese Detari dal Bologna. Uno che piaceva alla Juve per i suoi colpi e che portava in dote dribbling e tiro da fuoriclasse e un caratterino tutto pepe. Per puntellare la difesa viene preso addirittura un ex campione e vicecampione del mondo: il roccioso argentino Oscar Ruggeri, colonna dell’Albiceleste di Maradona.

L’inizio di stagione, con l’Ancona che disputa le sue partite al vecchio stadio Dorico, è altalenante: Guerini è di quelli che in un epoca di catenaccio e contropiede pretende di far giocare le sue squadre. Ne escono imbarcate clamorose (7 gol dalla Fiorentina, 5 dalla Juve, 4 dal Toro nelle prime 7 giornate) ma anche vittorie importanti (3 a 0 al Foggia di Zeman, 5 a 1 al Brescia di Lucescu, Hagi e Raducioiu).

Gli argentini che in estate avevano fatto sognare Ancona alzeranno presto bandiera bianca: Ruggeri, noto “mordicaviglie”, era ormai così lento che le caviglie degli avversari se le vedeva solo passare davanti e preferirà andare in Messico a novembre invece che far brutte figure in Italia. Zarate invece farà sognare la Gialappas ma non i tifosi. A tenere a galla la squadra sarà soprattutto la vecchia guardia, con il sorprendente e moderno centrocampista Lupo, i giovani terzini Sogliano e Lorenzini, e i due nuovi attaccanti, Agostini e Detari. Il magiaro in particolare regalerà bellezza: sarà lui e quasi solo lui a rendere memorabile il battesimo del nuovo stadio. Il vecchio Dorico, piccolo e inadatto alla Serie A, doveva essere sostituito dal nuovo e moderno Del Conero, non pronto però a inizio stagione.

Dopo le prime cinque gare giocate al Dorico a dicembre arriva il momento di trasferirsi: ad Ancona arriva una grande, l’Inter, e si aprono le porte del Del Conero. Sulla città si riversa una pioggia torrenziale, il nuovo campo tiene ma è pesantissimo: tutta una enorme pozzanghera. Un Danubio Blu su cui Detari, budapestino di nascita, comincia a danzare: pronti via, si prende un pallone sulla trequarti, irride un avversario e spara un destro nel sette lasciando Zenga di sasso.

Per l’Inter si mette ancora peggio quando un pallone si ferma sull’acqua costringendo il portiere nerazzurro a far fallo da ultimo uomo su Agostini e a guadagnarsi il rosso. Il secondo tempo si apre con Detari ancora scatenato che fa secco Beniamino Abate sul suo palo. La giornata magica dell’ungherese non è ancora finita: poco dopo si berrà ancora tutta la difesa dell’Inter, da Abate a Paganin a De Agostini. Quest’ultimo in un impeto di rabbia invece di lasciargli segnare il gol ormai praticamente fatto lo falcerà da dietro: Lupo la metterà dentro a un centimetro dalla linea, ma Detari avrebbe meritato quella tripletta.

Sarà tra i pochissimi acuti del campionato dell’Ancona. Il rendimento troppo altalenante relegherà i biancorossi al penultimo posto, condannandolo alla retrocessione: l’anno dopo dalla B i marchigiani, guidati ancora da Guerini, arriveranno in finale di Coppa Italia, perdendo con la Samp. Rivedranno la A solo nel 2003, ma la stagione fu pessima: quell’Ancona secondo le statistiche è stata la peggior squadra della storia della serie A. Oggi la squadra si chiama Anconitana e dopo anni di enormi vicissitudini societarie è in Eccellenza: Agostini, Guerini e Detari che distruggono l’Inter sono un ricordo lontano, ma il ricordo più bello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corriere dello Sport, accuse di razzismo per il titolo “Black Friday” con Lukaku e Smalling. Roma e Milan: “Stop interviste fino al 2020”

next
Articolo Successivo

Brigata Mai 1 Gioia: tifare San Marino ed esultare una volta in due anni (non per la vittoria ma per un gol fatto)

next