Il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, dopo aver lasciato Castelvetrano, ha incontrato un gruppo di pescatori di Marina di Selinunte (Trapani) che hanno subito gravi danni dopo le recenti mareggiate. I pescatori chiedono al ministro la sistemazione del porto. “Qualcuno mi ha criticato: sei ministro degli Esteri e vai in Sicilia? Sì, sono qui perché negli stessi giorni in cui si aiutava Venezia bisognava aiutare la Sicilia colpita dal maltempo. Sono venuto a chiedere scusa a nome dello Stato a molti sindaci: in questo territorio ci sono stati anche morti per maltempo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s alle regionali, Di Maio chiude alle alleanze: “Corriamo da soli”. Conte: “Diamo tempo ai 5 stelle di completare transizione”

prev
Articolo Successivo

M5s, Conte: “Regionali non sono test per governo. Movimento è in una fase di transizione, diamogli tempo”

next