Hanno prima aperto la cassaforte dei genitori di lei, prelevando 4mila euro in contanti e alcuni gioielli, poi sono saliti sul primo treno per la Francia. La fuga, progettata nei dettagli dalla coppia, un ragazzina di 16 anni e il suo fidanzato, un tunisino maggiorenne, è finita qualche metro prima del confine: a Ventimiglia i giovani sono stati fermati e fatti scendere da una pattuglia della Polfer.

I genitori della minorenne, avvisati, si sono recati subito sul posto: la 16enne è tornata a casa, il ragazzo, con alle spalle diversi precedenti penali, è stato denunciato per sottrazione di minore e furto. Venerdì mattina i genitori della 16enne, accorti del furto, sono andati alla stazione di Mantova per vedere se i due giovani avevano deciso di utilizzare il treno come mezzo di fuga. Non vedendoli, hanno denunciato la scomparsa. Così gli operatori del Posto Polfer hanno divulgato le foto dei due giovani, mentre gli agenti della Questura sono riusciti a geolocalizzare il cellulare del ragazzo. Poco dopo i giovani sono stati intercettati a Ventimiglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bolzano,”il medico non sapeva il tedesco”: manifesti con cadaveri all’obitorio diffusi dal movimento di destra Sudtiroler Freiheit

prev
Articolo Successivo

“Da Barbiana a Bibbiano”, il convegno che insulta don Milani. Il cardinale Betori: “Giù le mani”. E perfino Pillon alla fine rinuncia

next