Anche nello spazio si festeggia Halloween. Con i suoi due occhi luminosi e la bocca aperta, potrebbe sembrare il volto di un fantasma e invece sono due galassie in collisione: è l’immagine con cui il telescopio spaziale Hubble festeggia la notte più stregata. Scattata lo scorso 19 giugno, la foto mostra due galassie ad anello, abbastanza rare nell’Universo. Per riuscire ad avere quella forma infatti, la collisione deve avvenire con il giusto orientamento.

In breve le due galassie si fondono completamente, occultando per sempre il loro passato. Dunque si tratta di un ‘fugace’ momento quello della collisione. Le due galassie riprese da Hubble si trovano a 704 milioni di anni luce dalla Terra e insieme formano il sistema Arp-Madore. Anche l’affiancamento dei due ammassi centrali di stelle, che formano gli occhi e hanno la stessa dimensione, è qualcosa di poco comune da vedere, visto che di solito la galassia più piccola viene divorata da quella vicina più grande.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intervento al cervello in diretta streaming su Facebook: in 45mila hanno incoraggiato i medici

next
Articolo Successivo

Alessandro Strumia, rivista scientifica pubblica le tesi sessiste del fisico italiano. “Donne non sono discriminate”

next