Qualcuno ricorderà gli auricolari Bose Sleepbuds con mascheramento del rumore, fatti per favorire sonni profondi a chi ha difficoltà a dormire. Sembravano un prodotto di alta qualità, invece è notizia delle ultime ore che il produttore li ha ritirati ufficialmente dal mercato per problemi alle batterie. Un messaggio sul sito ufficiale spiega che “la produzione di questo prodotto è stata interrotta” e invita i clienti che hanno già acquistato il prodotto a rivolgersi all’assistenza.

Come riporta la stessa Bose, alcuni utenti hanno segnalato che la batteria non si caricava completamente, che gli Sleepbuds si spegnevano inaspettatamente o entrambi i problemi. “Abbiamo incessantemente ricercato la causa dei problemi con un team dedicato. Dalle informazioni in nostro possesso, pensavamo che aggiornamenti software e firmware avrebbero potuto risolvere i problemi. Ma i problemi sono continuati e, di recente, sono aumentati. Ciò ci ha portato a esaminare più da vicino ogni componente hardware. E abbiamo constatato che la batteria, sebbene sia sicura, non funziona nel modo affidabile o prevedibile richiesto dai nostri standard“.

Una scommessa persa quella di Bose, che nel tentativo di innovare si è arenata davanti a un problema che, almeno per il momento, pare insormontabile. Sulla pagina ufficiale si legge: “sapevamo che la nostra soluzione era complessa dal punto di vista tecnico e che avremmo dovuto effettuare investimenti importanti, reperire componenti speciali e superare numerosi traguardi a livello di progettazione. Eravamo anche consapevoli del fatto che ciò che stavamo cercando di realizzare non era mai stato tentato da nessuno. Ma eravamo certi che i nostri sforzi sarebbero stati ripagati”.

Così non è stato, ma Bose onorerà “la garanzia degli Sleepbuds. Stiamo offrendo agli utenti degli Sleepbuds la possibilità di restituire il prodotto e ottenere un rimborso completo fino al 31 dicembre 2019“, una scelta apprezzabile, che conferma l’elevato livello qualitativo di Bose e il serio impegno verso i clienti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kaspersky scopre il malware Reductor, che spia l’attività online delle vittime

next
Articolo Successivo

Windows 10 versione 1909 in arrivo, ecco le novità principali

next