I pm Enrico Lussu e Gaetano Porcu hanno chiesto la condanna a 4 anni e mezzo di carcere per l’ex presidente del Cagliari calcio, e ora del Brescia, Massimo Cellino, sotto processo per i presunti illeciti legati alla costruzione dello stadio di Is Arenas, a Quartu Sant’Elena. La condanna è stata sollecitata anche per tutti gli altri sette imputati, tra cui l’ex sindaco di Quartu, Mauro Contini (5 anni) e l’allora assessore ai Lavori pubblici, Stefano Lilliu (4 anni e 3 mesi).

I due pm, conclusa la requisitoria durata due giorni, ritengono che lo stadio di Is Arenas, realizzato nel 2012 per ospitare le partite del Cagliari a causa dell’inagibilità del Sant’Elia, sia un impianto “tutto abusivo“, come ha sottolineato ancora una volta il pm Lussu, ma non pubblica bensì totalmente privata: “Lo stadio veniva spacciato per un’opera pubblica, ma era privata su un terreno pubblico dato in concessione per tre anni”. Per questa ragione, secondo i pm, i soldi spesi dal Comune per la strada di collegamento, la recinzione e una cabina elettrica (circa 360 mila euro) costituiscono un peculato ai danni delle casse comunali e a favore del Cagliari calcio. È questa l’accusa contestata, a fronte di un peculato tentato da oltre 700mila euro.

Nella seconda giornata di requisitoria, il pm Lussu con il collega Porcu concentrato sui presunti peculati: i soldi spesi dal Comune di Quartu per opere annesse all’impianto sportivo che secondo la Procura dovevano essere pagati dal Cagliari. “Cellino – ha detto il pm – doveva portare la squadra a Quartu per evitare di tornare a Trieste perché, come ha rivelato nella stessa intercettazione con l’allora patron della Lazio, Claudio Lotito, l’assenza di pubblico di casa costava 10 punti in classifica e ogni punto vale milioni di euro“. Nella stagione 2011-2012, a causa dell’inagibilità dello Stadio Sant’Elia, il Cagliari disputò a Trieste le ultime quattro gare casalinghe del campionato. La stessa cosa avvenne l’anno successivo, proprio a causa dell’inchiesta legata alla costruzione della Is Arenas.

Quattro anni e 3 mesi sono stati chiesti per il direttore dei lavori Andrea Masala, 2 anni e 6 mesi per il tecnico comunale Raffaele Perra, 8 mesi per il geometra convenzionato Graziano Mossa, un anno e otto mesi ciascuno per l’impresario Marcello Vasapollo e il progettista Jaime Manca. Caduti in prescrizione i reati paesaggistici, agli imputati vengono contestati il peculato consumato e tentato e il falso. Il processo riprenderà il 17 ottobre con le prime arringhe delle difese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, il complotto contro i Renzi non esisteva: prosciolti i carabinieri Scafarto e Sessa. Cinque a giudizio: anche Lotti

next
Articolo Successivo

Cucchi, il pm chiede 18 anni di carcere per carabinieri Di Bernardo e D’Alessandro, autori del pestaggio: “Pene giuste, non esemplari”.

next