“Credo che uno dei modi per dare ordine ai flussi sia quello di formare le persone a monte e comunque di favorire l’immigrazione effettivamente necessaria al mercato del lavoro”. A dirlo non è un manager di Stato qualunque, bensì l’ex coordinatore dei Servizi segreti Giampiero Massolo, che dal 2016 presiede Fincantieri, gruppo pubblico della cantieristica dove, in mancanza di operai specializzati Made in Italy, si importano dall’estero una buona fetta delle maestranze. “La politica potrebbe ascoltare le imprese che possono dire cosa realmente serve”, è la morale lanciata a ilfattoquotidiano.it dal Forum The European House Ambrosetti di Cernobbio. Che non viene ascoltata se il numero uno degli industriali Vincenzo Boccia rileva che “è da tempo che non se ne parla”. Nonostante industriali navigati come Riccardo Illy ritengano “indispensabile riaprire un ragionamento sull’impresa”, dato il “mismatch tra i posti di lavoro che si offrono e i lavoratori disponibili a prenderli”. Lo conferma anche chi lavoro in tutt’altra area del Paese, Raffaele De Nigris erede dello storico acetificio di origine napoletana e di base a Modena: “È sempre una sfida perché i livelli apicali fuggono all’estero mentre la manodopera è scarsa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pernigotti, proprietà turca recede da intesa stipulata ad agosto. Ora salvataggio in forse

next
Articolo Successivo

Pernigotti potrebbe salvarsi puntando su una coraggiosa iniziativa dei lavoratori

next