Un altro premio giornalistico per FQ MillenniuM, il mensile diretto da Peter Gomez. Antonio Armano si è aggiudicato il Premio Parise per il Reportage 2019 con l’articolo “I barconi dell’asfalto: dall’Ucraina a Brescia sul bus delle badanti”, racconto dal vivo di una traversata dell’Europa sui mezzi utilizzati dalle lavoratrici domestiche per arrivare, o tornare, nel nostro Paese. La premiazione si è svolta sabato 28 settembre al Tetro comunale di Treviso.

La giuria – presieduta da Ilaria Crotti e composta da Corrado Augias, Toni Capuozzo, Franco Iseppi e Lorenzo Viganò – ha deciso di premiare il reportage di Armano, pubblicato su FQ MillenniuM a novembre 2018, “per l’alto valore testimoniale di un fenomeno migratorio di cui si parla molto poco che coinvolge figure femminili, veri e proprio fantasmi, costrette a valicare in asfittiche tradotte-auto confini tra l’Europa benestante e l’Europa marginale e povera e a subire i maltrattamenti delle guardie nelle lunghe file alle dogane”. L’autore, si legge ancora nelle motivazioni, è riuscito “con occhio lucido e penetrante a documentare la fatica, la solitudine, l’abisso esistenziale di vite precarie che resistono a un vero e proprio calvario solo grazie alla loro forza di volontà”.

Il premio di 5mila euro per la sezione carta stampata è diviso ex aequo con Antonio Castaldo per il servizio “Sulle tracce di Olmi nel bosco di Buzzati”, pubblicato da Sette il 22 novembre 2018. Il premio per il reportage televisivo è andato invece a Lisa Iotti per “Iperconnessi”, un approfondimento di Presadiretta, la trasmissione di Riccardo Iacona, andata in onda su Raitre il 15 dicembre 2018, dedicato “agli effetti che l’invadente e ossessivo utilizzo della connessione provoca sul cervello degli utenti e sui loro comportamenti individuali e sociali”. A Paolo Berizzi di Repubblica, autore di diverse inchieste sulla galassia neofascista, è andato infine il premio speciale riservato ai giornalisti vittime di intimidazioni e minacce, assegnato in collaborazione con Ossigeno per l’Informazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook rinuncia al fact checking per i politici e dà loro licenza di mentire. Perché?

prev
Articolo Successivo

La grande stampa accusa: ‘governo senz’anima’. Bum!

next