Un altro premio giornalistico per FQ MillenniuM, il mensile diretto da Peter Gomez. Antonio Armano si è aggiudicato il Premio Parise per il Reportage 2019 con l’articolo “I barconi dell’asfalto: dall’Ucraina a Brescia sul bus delle badanti”, racconto dal vivo di una traversata dell’Europa sui mezzi utilizzati dalle lavoratrici domestiche per arrivare, o tornare, nel nostro Paese. La premiazione si è svolta sabato 28 settembre al Tetro comunale di Treviso.

La giuria – presieduta da Ilaria Crotti e composta da Corrado Augias, Toni Capuozzo, Franco Iseppi e Lorenzo Viganò – ha deciso di premiare il reportage di Armano, pubblicato su FQ MillenniuM a novembre 2018, “per l’alto valore testimoniale di un fenomeno migratorio di cui si parla molto poco che coinvolge figure femminili, veri e proprio fantasmi, costrette a valicare in asfittiche tradotte-auto confini tra l’Europa benestante e l’Europa marginale e povera e a subire i maltrattamenti delle guardie nelle lunghe file alle dogane”. L’autore, si legge ancora nelle motivazioni, è riuscito “con occhio lucido e penetrante a documentare la fatica, la solitudine, l’abisso esistenziale di vite precarie che resistono a un vero e proprio calvario solo grazie alla loro forza di volontà”.

Il premio di 5mila euro per la sezione carta stampata è diviso ex aequo con Antonio Castaldo per il servizio “Sulle tracce di Olmi nel bosco di Buzzati”, pubblicato da Sette il 22 novembre 2018. Il premio per il reportage televisivo è andato invece a Lisa Iotti per “Iperconnessi”, un approfondimento di Presadiretta, la trasmissione di Riccardo Iacona, andata in onda su Raitre il 15 dicembre 2018, dedicato “agli effetti che l’invadente e ossessivo utilizzo della connessione provoca sul cervello degli utenti e sui loro comportamenti individuali e sociali”. A Paolo Berizzi di Repubblica, autore di diverse inchieste sulla galassia neofascista, è andato infine il premio speciale riservato ai giornalisti vittime di intimidazioni e minacce, assegnato in collaborazione con Ossigeno per l’Informazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook rinuncia al fact checking per i politici e dà loro licenza di mentire. Perché?

next
Articolo Successivo

La grande stampa accusa: ‘governo senz’anima’. Bum!

next