Tutti i nuovi modelli saranno elettrificati, sviluppati e prodotti in Italia: c’è scritto questo nella nota ufficiale diffusa dalla Maserati poche ore fa. I pilastri strategici della nuova gamma del Tridente? Propulsione ibrida, elettrica a batteria – quest’ultima pure con tecnologia di ricarica ultraveloce – e funzionalità avanzate di guida autonoma.

Il piano di elettrificazione della gamma inizierà nel 2020 a partire dalla Ghibli, che ha appena superato il traguardo dei 100 mila esemplari prodotti e che sarà la prima vettura ibrida della marca. A seguire un’inedita supersportiva, “ricca di tecnologia e rievocativa dei valori tradizionali del marchio”: sarà sfornata dallo stabilimento di Modena, “dove sono in corso importanti aggiornamenti sulla linea di produzione volti ad ospitare anche la versione elettrica”. Secondo le indiscrezioni più recenti, dovrebbe trattarsi di un veicolo con architettura a motore centrale, da sempre un “pallino” di Harald Wester, amministratore delegato dell’azienda.

Nel polo modenese è già iniziata la costruzione di una nuova linea di verniciatura, dotata di tecnologie innovative a basso impatto ambientale. Ma nell’organigramma di Maserati avranno un ruolo di spicco anche Cassino e Torino (ovvero, Mirafiori e Grugliasco). Nell’impianto laziale, in particolare, verrà fabbricato il nuovo suv di medie dimensioni, che promette di far impennare le vendite del costruttore. La naturale concorrente sarebbe la Porsche Macan, altro best-seller della produzione tedesca.

La scelta di Cassino sembrerebbe implicitamente confermare che la vettura sfrutterà l’eccellente piattaforma costruttiva dell’Alfa Romeo Stelvio, con cui peraltro dovrebbe condividere la tecnologia ibrida plug-in. Pertanto, su Cassino Maserati investirà circa 800 milioni di euro: fanno parte del piano da 5 miliardi che FCA vuole stanziare per l’Italia. Fondi che saranno utilizzati per la costruzione della nuova linea di assemblaggio che prenderà il via alla fine del primo trimestre del 2020: le prime auto pre-serie sono previste entro il 2021.

Infine, sparisce definitivamente dai radar la Alfieri, la gt a due posti secchi che era stata anticipata qualche anno fa dall’omonimo concept. Al suo posto tornano in pista GranTurismo e GranCabrio, che verranno costruite presso il polo produttivo di Torino, dove FCA sta investendo altri 800 milioni di euro: saranno questi i primi modelli Maserati ad adottare soluzioni propulsive 100% elettriche. Nella speranza che questo nuovo piano, oltre che concreto, sia anche quello definitivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Germania, il piano salva-clima piace a Vw. Diess: “importante per le auto elettriche”

prev
Articolo Successivo

Tesla, aggiornato il software. Ci sono anche il karaoke e la funzione “chauffeur”

next