Sia che si tratti di nuovo, sia che si tratti di usato, Fiat Panda riesce a posizionarsi sempre in testa alle classifiche del mercato italiano. L’ultimo rapporto arriva dall’”Osservatorio brumbrum”, dell’omonima piattaforma di e-commerce dell’automotive, che ha analizzato le vendite di usato del primo semestre del 2019.

In 13 regioni l’utilitaria per eccellenza ha registrato i numeri più alti, piazzandosi al primo posto tra le auto usate più vendute online. Soltanto in Lombardia, Lazio, Veneto, Sardegna, Trentino Alto-Adige, Friulia-Venezia Giulia e Puglia il primato è stata scalzata, ma in alcuni casi – come quello di Lombardia e Veneto – da un modello dello stesso costruttore, la piccola 500.

In Sardegna e nel Lazio, invece, il marchio di Torino è stato battuto da Smart: un risultato facile da immaginare specialmente per la regione che riflette anche i dati di Roma, la città italiana dove la due-posti è da sempre campionessa di vendite. Curioso, invece, che l’isola sia l’unica regione in cui Fiat Panda non raggiunge neppure le prime cinque auto più vendute, mentre è surclassata da Punto e 500 (rispettivamente al secondo e terzo posto), Volkswagen Golf quarta e Giulietta di Alfa Romeo che chiude la top 5.

Comunque sia, il gruppo FCA si riesce a piazzare bene anche a prescindere da Panda, ottenendo successo con la più piccola della famiglia 500, al primo posto in Veneto e in Lombardia, mentre in Puglia con Punto, fuori produzione da oltre un anno ma ancora tra gli usati più acquistati in molte regioni. Anche Lancia Ypsilon registra ottime vendite, tanto da essere presente nella classifica delle 5 auto più vendute in 12 regioni: in seconda posizione in Abruzzo, in terza in Piemonte e Puglia e in quarta in ben 6 regioni (Campania, Marche, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto). A rappresentare il gruppo italoamericano c’è poi ancora la Giulietta del Biscione, sul podio in Molise.

A dare filo da torcere ai marchi italiani è sicuramente Volkswagen, che in Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia con Golf conquista il primo posto, ma è comunque presente, anche con Polo, tra le prime cinque più vendute in 17 regioni. In Basilicata, invece, c’è spazio anche per la Serie 1 di Bmw e in Trentino per la Serie 3 Touring.

Quanto alle vendite di usato per alimentazioni, in alcune regioni in particolare spicca ancora il diesel (in Puglia, Basilicata e Calabria questo detiene il 75% di vendite totali) che resta la prima alimentazione anche a livello nazionale, seppure in calo soprattutto al Nord. Piemonte, Lombardia, Trentino e Toscana fanno registrare un 30% di vendite per i benzina, che toccano quasi il 39% in Liguria. Infine le motorizzazioni ibride ed elettriche, che non vanno oltre l’1,1% in Emilia e nel Lazio, mentre il Molise registra vendite solo per l’ibrido, allo 0,3%: elettrico non pervenuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiat 500 e 500e, addio Usa. Stop alla produzione e alla vendita in nord America

next
Articolo Successivo

Auto, il 35% del parco circolante in Italia ha oltre 13 anni di età

next