Oltre 250mila metri cubi del ghiacciaio Planpincieux rischiano di crollare: per questo lungo il versante italiano del Monte Bianco sarà installato da domani un radar per sorvegliarlo in tempo reale. Sarà attivo 24 ore su 24 e potrà funzionare anche in condizioni di scarsa visibilità e integrerà l’attuale monitoraggio fotografico, che non è stato progettato per essere un sistema di allerta. Al momento viene infatti scattata una fotografia al giorno che consente, attraverso il raffronto con le immagini precedenti, di stimare il movimento giornaliero della massa, la cui velocità è aumentata negli ultimi giorni superando il mezzo metro. Questa tecnologia – fornita dal Dipartimento programmazione, risorse idriche e territorio della Regione Valle d’Aosta, che opera in collaborazione con la Fondazione Montagna sicura.

Del rischio crollo del ghiacciaio ha parlato anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel suo intervento al vertice sul clima all’Onu, sottolineando che si tratta di una notizia “che non può lasciarci indifferenti e che deve scuoterci e mobilitarci tutti”. E il rapporto dell’Ipcc, il comitato scientifico dell’Onu, non lascia spazio all’ottimismo, confermando che scioglimento dei ghiacciai e la temperatura degli oceani aumenteranno, con conseguenze su ecosistemi marini e terrestri.

Intanto il sindaco di Courmayeur Stefano Miserocchi ha convocato in municipio, una riunione con i proprietari, i residenti e gli esercenti della Val Ferret, la zona che potrebbe essere interessata dalla caduta di ghiaccio. Ieri è stata emanata ordinanza in cui è stata chiusa la strada comunale che aprirà solo in alcune fasce orarie, con la sorveglianza delle guide alpine. E in serata è prevista oggi l’arrivo di una perturbazione che porterà una diminuzione delle temperature ed una leggera nevicata sul massiccio del Monte Bianco e anche sul ghiacciaio di Planpincieux. Condizioni che potrebbero favorire il rallentamento della massa instabile. In base alle previsioni dell’ufficio meteo della Valle d’Aosta, nella zona cadrà qualche centimetro di neve fino a quota 2.200-2.300 metri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, più prosecco e impianti sciistici. Così aumenta il consumo del suolo

next
Articolo Successivo

Aeroporti, ok del Senato ai veicoli elettrici negli scali di Fiumicino, Malpensa e Venezia

next