Dovrà tornare di nuovo a giudizio davanti alla Corte d’appello Roberto Piazza, la guardia giurata, in servizio al Palazzo di giustizia di Milano il 9 aprile 2015, quando Claudio Giardiello uccise a colpi di pistola tre persone, l’ex socio di affari Giorgio Erba, l’avvocato Lorenzo Claris Appiani e il giudice Fernando Ciampi. A deciderlo la Cassazione che ha annullato la condanna a tre anni di reclusione inflitta in secondo grado.

Assolto in primo grado dal tribunale di Brescia, Piazza era stato condannato in appello, con l’accusa di non aver fermato il killer all’ingresso, nonostante dai monitor si notassero delle macchie scure nella borsa che l’uomo aveva con sé. Il vigilante era stato anche condannato al pagamento di una provvisionale complessiva, per otto parti civili, di un milione e 70mila euro. La Suprema corta ha però annullato con rinvio il verdetto, disponendo che venga celebrato un nuovo processo, sempre a Brescia, ma davanti a un collegio diverso rispetto a quello che si è già pronunciato.

Lo stesso Giardiello, in una prima ricostruzione, aveva descritto i fatti coinvolgendo Piazza. L’omicida aveva infatti raccontato di essere entrato in Tribunale la mattina della strage, portando con sé la Beretta calibro 9, all’interno della sua borsa, controllata proprio dal vigilante. Giardiello, condannato all’ergastolo anche per aver ferito il proprio nipote Davide Limongelli e il commercialista Stefano Verna, aveva poi ritrattato, spiegando di aver invece introdotto l’arma a Palazzo di Giustizia diverso tempo prima. Una versione che l’immobiliarista poi non aveva più confermato. La ricostruzione dell’imprenditore, tuttavia, non ha mai convinto pienamente i familiari delle vittime che, a quattro anni dalla strage, continuano a chiedere giustizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, guasti alle scale mobili. Il dirigente intercettato: “Su 700 ne sarebbero venute giù altre 3 o 4, dai”. Il gip: “Indegna gestione”

prev
Articolo Successivo

Why not, scontro tra procure: Cassazione annulla senza rinvio la sentenza sugli ex magistrati di Catanzaro Murone e Favi

next