Un’Arca di Noè vera e propria. Non per salvare le specie animali dal diluvio, ma dalla siccità. Avviene in Australia dove la prospettiva di una nuova estate torrida ha spinto il governo del New South Wales – lo stato della capitale Camberra e di Sydney – a trasferire in rifugi sicuri i pesci nativi dallo stressato bacino dei fiumi Murray e Darling, il sistema fluviale più grande del paese che attraversa cinque stati nel sudest del continente, dal Queensland fino al South Australia. L’anno scorso, infatti, con il prosciugarsi dei bacini era calata drasticamente l’ossigenazione delle acque e centinaia di pesci erano morti.

Il ministro dell’Agricoltura Adam Marshall ha lanciato un pacchetto di salvataggio di 10 milioni di dollari (6,2 milioni di euro) per mitigare gli effetti della crisi fluviale nell’estate imminente dopo che lo scorso gennaio l’ondata di caldo di gennaio ha causato la moria di centinaia di migliaia di pesci. Ora gli operatori hanno iniziato a ‘traslocare’ migliaia di pesci in vista dell’intensificarsi della siccità. La missione di salvataggio del maggior numero possibile dei maggiori pesci nativi, il merluzzo detto Murray Cod e il pesce persico detto Golden Perch, è iniziata in 20 aree più stressate del Darling.

Migliaia di pesci sono stati già recuperati da venti zone di fiume che stanno per prosciugarsi e trasferiti in veicoli con controllo di ossigeno e di temperatura, per essere ‘insediati’ in una sezione vicino alla confluenza con il Murray, che secondo gli esperti offre un habitat di migliore qualità. Il trasferimento dei pesci aiuterà a mantenere i “legami genetici e culturali” delle specie e anche assicurare che siano in grado di tornare nell’area di origine quando i flussi torneranno nel bacino, ha detto il ministro Marshall. “Stiamo creando una moderna Arca di Noè per assicurare che, comunque si rivelerà questa estate, le nostre specie native siano protette. Non fare nulla non è un’opzione. Dopo quanto è avvenuto lo scorso anno, è imperativo agire subito“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ceta, Bellanova: “Ratificare trattato di libero scambio Italia-Canada”. M5s: “Danneggia made in Italy. Aprire discussione”

prev
Articolo Successivo

Fukushima, “per gestore Tepco unica opzione è smaltire acqua radioattiva nell’Oceano”

next