L’Internet degli Oggetti, conosciuto anche con la sigla IoT, è destinato ad abbracciare tutto quello che ci circonda, comprese le lampadine. Philips ha già messo in vendita la seconda generazione di dispositivi d’illuminazione capaci di trasferire dati: fanno parte della famiglia Truelifi e impiegano una tecnologia di trasmissione dati wireless Li-Fi (Light Fidelity) che sfrutta la luce come mezzo di trasmissione. I nuovi modelli possono raggiungere una velocità massima di 150 megabit per secondo.

La nuova famiglia di prodotti comprenderà anche ‎ricetrasmettitori ‎compatibili con i modelli precedenti, e come detto sfrutta le onde luminose anziché quelle radio, per intenderci come avviene con Wi-Fi e 4G. Collegando tra i ricetrasmettitori due postazioni statiche, saranno in grado di raggiungere 250 Mbps.

È bene precisare che la tecnologia ‎Li-Fi non è una novità, esiste da diversi anni, con il limite che finora non è riuscita a decollare. Fra i motivi c’è il fatto che la maggior parte dei dispositivi connessi a Internet, come ad esempio notebook e smartphone, necessitano di un adattatore esterno per ricevere dati tramite Li-Fi. Inoltre, basta oscurare la fonte luminosa per interrompere la trasmissione dei dati, che è un problema piuttosto grave nei luoghi in cui ci sono molte persone che si muovono da una postazione all’altra, come negli uffici. ‎

Questo non annulla tutti i benefici. ‎Nelle giuste circostanze, usare la luce anziché le onde radio come mezzo di trasmissione dei dati può avere i suoi vantaggi. Ad esempio in luoghi come ospedali, stazioni e aeroporti, dove ci sono troppe interferenze in radiofrequenza, o dove i dispositivi tradizionali potrebbero interferire con altri.‎

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xiaomi Mi 9T contro Realme 3 Pro, qual è il miglior smartphone best buy del momento

prev
Articolo Successivo

1000 videoclip che hanno fatto la storia della musica presto disponibili su YouTube con qualità HD

next