Cercare online l’hotel in cui trascorrere le vacanze è ormai piuttosto usuale. Ci sono decine di aggregatori, siti che radunano in una sola schermata tutte le offerte relative alle proposte online, in modo da facilitare la scelta più conveniente. In Francia è nato Cozycozy.com, un servizio che aggrega gli aggregatori. Agevola la ricerca di alberghi, appartamenti e stanze per le vacanze, aggregando tutte offerte di Booking (Booking.com, Priceline, Kayak, Agoda), Expedia (Expedia, Hotels.com, HomeAway, Trivago) e TripAdvisor (TripAdvisor, HouseTrip, Oyster). Si potrebbe definire un concorrente di Google Hotels, dato che anche questa piattaforma mostra mappe e informazioni dettagliate.

L’utilità di CozyCozy è quindi quella di riunire decine di servizi diversi in un’unica interfaccia. L’utente può affinare le ricerche intervenendo su una serie di parametri come luogo, date, numero di ospiti, tipologia di struttura, e visualizzare tutte le offerte disponibili. In evidenza appaiono sia i prezzi sia le valutazioni delle recensioni. Accessorie sono le proposte organizzate per temi.

Da sottolineare che le prenotazioni non vengono gestite dal sito stesso: l’utente viene reindirizzato direttamente sulla pagina del servizio partner da cui sono prese le informazioni. L’inconveniente maggiore è che il sito al momento è in lingua francese, ma non costituisce un limite invalicabile dal momento che serve principalmente per conoscere i prezzi. La buona notizia è che propone offerte in qualsiasi luogo del mondo, e che i gestori hanno in programma di sbarcare su altri mercati, quindi non resta che attendere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cobalt Robot è il vigilante efficiente che interagisce con il personale per la sicurezza

next
Articolo Successivo

Kaspersky scopre pericolose falle in un sistema per la domotica

next