Cercare online l’hotel in cui trascorrere le vacanze è ormai piuttosto usuale. Ci sono decine di aggregatori, siti che radunano in una sola schermata tutte le offerte relative alle proposte online, in modo da facilitare la scelta più conveniente. In Francia è nato Cozycozy.com, un servizio che aggrega gli aggregatori. Agevola la ricerca di alberghi, appartamenti e stanze per le vacanze, aggregando tutte offerte di Booking (Booking.com, Priceline, Kayak, Agoda), Expedia (Expedia, Hotels.com, HomeAway, Trivago) e TripAdvisor (TripAdvisor, HouseTrip, Oyster). Si potrebbe definire un concorrente di Google Hotels, dato che anche questa piattaforma mostra mappe e informazioni dettagliate.

L’utilità di CozyCozy è quindi quella di riunire decine di servizi diversi in un’unica interfaccia. L’utente può affinare le ricerche intervenendo su una serie di parametri come luogo, date, numero di ospiti, tipologia di struttura, e visualizzare tutte le offerte disponibili. In evidenza appaiono sia i prezzi sia le valutazioni delle recensioni. Accessorie sono le proposte organizzate per temi.

Da sottolineare che le prenotazioni non vengono gestite dal sito stesso: l’utente viene reindirizzato direttamente sulla pagina del servizio partner da cui sono prese le informazioni. L’inconveniente maggiore è che il sito al momento è in lingua francese, ma non costituisce un limite invalicabile dal momento che serve principalmente per conoscere i prezzi. La buona notizia è che propone offerte in qualsiasi luogo del mondo, e che i gestori hanno in programma di sbarcare su altri mercati, quindi non resta che attendere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cobalt Robot è il vigilante efficiente che interagisce con il personale per la sicurezza

prev
Articolo Successivo

Kaspersky scopre pericolose falle in un sistema per la domotica

next