I temporali colpiscono la Lombardia. Nel primo pomeriggio vento e pioggia sono arrivati a Milano, provocando la caduta di rami di alberi, allagamenti di cantine e di alcune strade che hanno creato disagi al traffico. Prima il maltempo aveva colpito la zona orientale della Regione: sulla statale Gardesana occidentale, in provincia di Brescia, una frana ha investito la strada all’altezza di Limone sul Garda. A Bergamo invece le raffiche hanno causato la caduta di alberi e hanno reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco.

Giovedì la protezione civile regionale ha emanato un’allerta arancione per temporali forti e un’allerta gialla per rischio idraulico e vento forte. Sempre a Milano è stato attivato il monitoraggio dei livelli dei fiumi Seveso e Lambro. I disagi sono cominciati nella notte già in Veneto, dove sono stati più di 80 gli interventi effettuati per alberi abbattuti e danni d’acqua dai vigili del fuoco: le province più colpite Treviso, Venezia e Vicenza.

Poi i temporali hanno raggiunto il Bresciano e le forti piogge hanno provocato la frana che ha bloccato la Gardesana. L’Anas specifica che al momento sono in corso le operazioni di pulizia del piano viabile e poi, non appena il meteo lo consentirà, si procederà alle prime verifiche del versante. Sul posto, oltre alle squadre Anas, sono presenti anche le forze dell’ordine, i vigili del fuoco e personale della protezione civile. Un violento temporale con vento forte si è scatenato su Bergamo e provincia questa mattina. A Seriate in via Marconi i pompieri sono intervenuti per liberare un veicolo rimasto bloccato nel sottopasso della ferrovia. Al quartiere Celadina di Bergamo il forte vento ha invece scoperchiato un tetto di un’abitazione. Molti gli interventi anche per ascensori bloccati a causa delle continue interruzioni di energia elettrica, mentre a Orio al Serio si è allagato il sottopasso del centro commerciale Oriocenter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, Sala nel cantiere della M4 a Linate: “Prima tratta pronta entro fine mandato”

prev
Articolo Successivo

Vimercate, bambina di 10 anni “ha assunto sostanze ansiolitiche”. L’azienda sanitaria: “Non possiamo dire che era cocainomane”

next