Mille persone si sono radunate all’esterno della chiesa di Santa Maria del Pozzo a Somma Vesuviana per dare l’ultimo saluto a Mario Cerciello Rega, il vicebrigadiere dei carabinieri ucciso a Roma durante il servizio. Uomini delle forze dell’ordine, preti, tra cui padre Maurizio Patriciello, gente comune, parenti e amici ma anche chi non conosceva il carabiniere ed è giunto da Napoli apposta per rendergli omaggio. Proprio in questa chiesa, poco più di un mese fa, Mario Cerciello Rega si era sposato. “Ricordo ancora quella bellissima cerimonia – spiega una conoscente del vicebrigadiere – quel giorno piangemmo di gioia, oggi piangeremo di dolore. Che peccato, un bravo ragazzo che non doveva avere questa sorte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Americano bendato, a Salvini dico che non solo ci ‘si lamenta’ ma ci si indigna per il metodo

prev
Articolo Successivo

Pisa, il festival della robotica non si farà. Gli organizzatori: “Colpa della giunta leghista”. E il sindaco risponde: “Mai visto nessuno”

next