La seconda giornata delle finali della stagione estiva dei PG Nationals vedrà questa domenica impegnati al Teatro Olimpico i team di League of Legends, con Outplayed e Campus Party Sparks a contendersi il titolo italiano di categoria, l’accesso agli EU Masters (competizione europea che mette di fronte i team vincitori delle leghe nazionali), e la possibilità di essere il primo team ad aver messo in bacheca il secondo trofeo.

Con il Summer Split, i PG Nationals Vigorsol di League of Legends hanno visto un nuovo cambio negli equilibri dei team, con le due storiche corazzate Outplayed e Forge (ora QLASH Forge) a riprendersi il dominio del campionato, seguite a stretto giro dagli Sparks, campioni in carica,  mentre i Samsung Morning Stars, finalisti nell’edizione primaverile, relegati a posizioni di metà classifica. Visti i risultati in campionato, era quasi scontata il ritorno ad una finale classica tra OP e 4G, ma dopo aver risolto alcune problematiche interne gli Sparks sono riusciti a superare agevolmente i Morning Stars ai quarti (evidenziando le nette differenze con la finale di marzo), e sconfiggere con un buon 3 a 1 i più quotati Forge, mentre è andata totalmente secondo i pronostici l’altra semifinale, con gli Outplayed a staccare il biglietto per roma contro i Racoon.

La finale si terrà, come per quella di Rainbow Six, al Teatro Olimpico di Roma e verrà trasmessa a partire dalle ore 15  sul canale Twitch di PG Esports, potendosi avvalere al commento dell’ormai storica coppia Lapo “Terenas” Raspanti e Roberto “KenRhen” Prampolini.

Nelle prossime pagine troverete una scheda sui due team partecipanti e le interviste ai loro manager

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rainbow Six Siege PG Nationals 2019: al Teatro Olimpico di Roma le finali del torneo nazionale di R6

prev
Articolo Successivo

Assistenti vocali, Siri (e quindi Apple) sa tutto di noi. Ma non è l’unico che ascolta quel che diciamo

next