La scuola, una elementare, chiede che l’alunno indichi nel modulo di iscrizione se è di etnia sinti, rom nomade o caminanti. Accade a Fossò, nella città metropolitana di Venezia. Come riporta il Gazzettino, il modulo consegnato ai genitori ha fatto scattare l’immediata polemica sostenuta dalle famiglie che si sono rivolte ad una associazione che fa capo a Rifondazione comunista, che a sua volta ha contattato i propri legali perché si tratterebbe di un “abuso e discriminazione gravissima“, mentre la direzione scolastica sostiene che l’atto “serve per favorire l’integrazione“.

Il modulo, distribuito da tempo, è stato oggetto di valutazione da parte dei genitori interessati alla “domanda” che hanno deciso di rendere pubblica la vicenda. La scuola è nel veneziano ma a far scattare la protesta sono stati genitori che vivono nel padovano e che, attraverso, chi li assiste, ritengono che solo per loro ci sia questa “specifica”. Peraltro, sul modulo è richiesta anche la cittadinanza con una casella per “italiano” e uno spazio per specificare, se straniero, la nazionalità di origine così come le vaccinazioni effettuate ed altri dati personali.

Rifondazione respinge le motivazioni addotte dall’istituto scolastico e rileva che il modulo “va immediatamente ritirato perché va contro la Costituzione, la legge Mancino e le normative europee che vietano qualsiasi censimento”.

Il preside è intervenuto a nome dell’isitutito cercando di scusarsi. “Se il documento dal punto di vista legale ha dei profili di illegittimità lo cambieremo sicuramente” ha dichiarato, aggiungendo che l’intenzione che ha mosso la scelta “erano quelle della maggior inclusione possibile e non certo il contrario: le informazioni che noi raccogliamo hanno finalità istituzionali, tese a tutelare gli alunni e non a discriminali.”

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Linate chiuso dal 27 luglio: dalle corse con bus e treni verso Malpensa ai check-in, la guida per evitare disagi nei prossimi mesi

prev
Articolo Successivo

Polizia, sindacato denuncia: “Nuovi distintivi si staccano, costati 5 milioni di euro”. Viminale: “Rigidi collaudi”

next