La versione di watchOS annunciata da Apple nel 2018 introduceva una grande novità negli smartwatch Apple Watch: funzionalità Walkie-Talkie. Nelle ultime ore l’azienda l’ha momentaneamente soppressa a causa di una vulnerabilità non specificata, che potrebbe consentire a una persona di ascoltare ogni conversazione senza consenso.

L’app Walkie Talkie per Apple Watch fu accolta con interesse perché era uno strumento interessante per comunicare con altre persone attraverso la rete LTE o il Wi-Fi, inviando una specifica richiesta di contatto. Una volta accettata, compariva il pulsante “Talk” sullo schermo del Watch e selezionandolo si poteva parlare in modalità walkie-talkie, appunto.

La testata specializzata TechCrunch ha ricevuto la conferma ufficiale da Apple di averla disattivata, scusandosi per l’inconveniente. La decisione non è definitiva: semplicemente non è sicuro continuare a usarla per il tempo che occorrerà ai tecnici per risolvere la vulnerabilità. In dettaglio, la nota ufficiale recita: “Ci siamo appena resi conto di una vulnerabilità legata all’app Walkie-Talkie su Apple Watch e abbiamo disattivato la funzione mentre risolvevamo il problema. Ci scusiamo con i nostri clienti per l’inconveniente e ripristineremo la funzionalità il prima possibile. Non siamo a conoscenza di alcun uso della vulnerabilità ai danni di clienti, e per sfruttarla sono necessarie condizioni e sequenze di eventi specifiche, ma prendiamo seriamente la sicurezza e la privacy dei nostri clienti. Abbiamo deciso che disabilitare l’app era la cosa giusta da fare, in quanto questo bug poteva permettere a qualcuno di ascoltare un altro cliente attraverso iPhone, senza consenso”.

Sempre in tema di sicurezza, Apple ha pubblicato un aggiornamento per i computer Mac che risolve una falla dell’app di videoconferenza Zoom. Consentiva di aggirare le restrizioni di sistema per accelerare l’avvio di chiamata, ma consentiva anche di aggiungere un utente a una videochiamata attiva senza il suo permesso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Foto in notturna: sfida fra Google Pixel 3 XL, Huawei P30 Pro, Galaxy S10+

prev
Articolo Successivo

Google Lens svela chi ha creato le opere d’arte che state guardando

next