Le Elite 85h sono l’ultimo modello arrivato nella line-up consumer di Jabra, andando ad ampliare una gamma dove tra auricolari true wireless e cuffie ad archetto mancava un modello bluetooth OverEar, e lo fanno portando un elaborato sistema di active noise cancellation.

Le ammiraglie di Jabra si presentano con un design che si distingue dai principali concorrenti, vedendo l’utilizzo di tessuto mesh per ricoprire le superfici esterne della parte flessibile dell’archetto e dei padiglioni auricolari, a contrasto con la copertura in similpelle delle parti interne (cuscinetti e interno dell’archetto) a contatto con il corpo dell’utilizzatore; la struttura estendibile rigida ed il supporto dei padiglioni si mostrano ben solidi in contrasto con quanto all’apparenza la plastica possa far pensare.

Durante l’utilizzo si sono rivelate molto comode, riuscendo a non pesare eccessivamente sulla testa ne a schiacciare troppo sulle orecchie; come tutte le cuffie over-ear simili però, con l’arrivare delle temperatura estive, causano un po di sudorazione nell’area a contatto con i cuscinetti.

Per le loro nuove cuffie Jabra ha studiato un avanzato sistema di cancellazione del rumore attiva supportato, tramite l’app,  dalla tecnologia SmartSound che permette di alternare automaticamente tra i tre settaggi che l’utilizzatore può preimpostare -chiamati Momenti- in base ai suoni circostanti (in privato, in pubblico, in viaggio), e da 4 microfoni (su un totale di 8 presenti sulle cuffie). Di per se durante la prova l’ANC si è comportanto abbastanza bene, filtrando in modo ottimo i rumori esterni, anche se ogni tanto il sistema automatico di SmartSound tende a farsi ingannare da alcuni  “falsi positivi” tra i suoni che percepisce.

Buona la qualità d’ascolto sia in Bluetooth sia usando il cavetto, anche se avremmo preferito dei bassi un po’ più marcati; l‘assenza di supporto ad aptX o LDAC non permette di fruire alla massima qualità tracce HiRes, ma se utilizzate i servizi di streaming musicale più comuni come Spotify, Apple Music o Google Play Music, che usano tracce molto più compresse, non incapperete in questo problema.

Le Jabra Elite 85h offrono una delle migliori esperienze di chiamata nel proprio segmento, sfruttando 6 degli 8 microfoni a bordo, con un’ottima qualità dell’audio in arrivo dal proprio interlocutore ed al contempo riuscendo a garantire una buona qualità della propria in uscita, riuscendo a filtrare parte dei rumori esterni (ad esempio del traffico). In chiamata è possibile attivare (e regolare) la riproduzione del suono esterno e della propria voce all’interno della cuffia, per combattere l’attenuazione della propria voce dovuto dall’indossare le cuffie.

Abbastanza semplici i controlli “standard” presenti sull’esterno del padiglione destro, che vede due pulsanti dedicati al volume/cambio brano – anche se avremmo preferito pulsanti separati onde evitare nel tenerli premuti per cambiare brano di alzare/abbassare il volume – ed uno alle azioni (rispondere/chiudere chiamate, mettere in pausa il brano etc). Sulla cornice posteriore del padiglione destro troviamo un pulsante dedicato a mutare il microfono o attivare l’assistente vocale, mentre su quella del padiglione sinistro trova posto un tasto che permette di attivare e disattivare l’ANC o di cambiare tra i “Momenti” di SmartSound. Ottimo plus il meccanismo che rileva se state indossando le cuffie, meccanismo che permette di mettere in pausa il brano in ascolto togliendo le cuffie e di riprenderlo semplicemente reindossandole.

Per migliorare la durata della batteria – già di per sé ottima ed in grado di ottenere prestazioni vicino alle 36h indicate dal produttore – Jabra ha reso molto semplice spegnere e accendere le cuffie, per farlo basta semplicemente ruotare i padiglioni tra la posizione utilizzata per l’ascolto e quella per tenerle appoggiate quando non in uso. Le Elite 85h per ricaricarsi utilizzano un cavetto USB-C, offrendo il supporto alla ricarica rapida (circa 15 minuti di ricarica offrono 1h di utilizzo), ed è possibile utilizzarle (anche connesse in bluetooth) durante la ricarica. Unico punto negativo, una volta scariche non è possibile utilizzarle nemmeno con il cavetto da 3,5mm.

Con le Elite 85h Jabra ha fatto un ottimo lavoro, avvicinandosi abbastanza ai principali competitor per quanto riguarda l’ascolto di musica ed offrendo una qualità di chiamata da prima della classe. Sono arrivate sul mercato con un prezzo di 299€, offrendo 3 colorazioni diverse (Beige/Gold, Blue Navy e Black/Titanium) ed una comodo custodia in tinta; il prezzo di lancio è inferiore a quello medio dei più recenti modelli di cuffie del medesimo segmento di altri produttori, ma pari al loro prezzo medio attuale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Volete che l’Internet degli Oggetti sia sicuro? Eliminate le password!

prev
Articolo Successivo

La tecnologia all’avanguardia fa grande l’archeologia moderna

next