Prima rivendica per l’Italia un “portafoglio economico di prima linea”, poi il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso della sua informativa alla Camera in vista del prossimo Consiglio europeo del 20 e 21 giugno, è tornato sul tema dei conti pubblici e della procedura d’infrazione: “Siamo tutti intenzionati a evitarla e siamo tutti ben convinti della nostra politica economica. Intendiamo mantenere un dibattito costruttivo con la commissione Ue”, ha ripetuto. Parole arrivate al termine di un lungo intervento, poco più di trenta minuti, rispetto alle quali non sono mancate le proteste dai banchi del Partito democratico. Tanto che lo stesso presidente della Camera, Roberto Fico, è intervenuto per richiamare alcuni deputati dem, compreso il renziano Ivan Scalfarotto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conti pubblici, un’ora di vertice a Palazzo Chigi. Conte : “Procedura infrazione? Ue non assuma decisioni divisive”

next
Articolo Successivo

Napoli, il dialogo tra Giuseppe Conte e l’uomo in mutande sul balcone accanto: “Le volevo dire una cosa…”

next