I carabinieri del Ros, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma, hanno disarticolato l’organizzazione mafiosa nota come clan ‘Fragalà‘, operante nell’area metropolitana romana e in particolare nei comuni di Ardea, Pomezia e Torvajanica. Il clan aveva determinato un pesante clima di intimidazione ai danni di commercianti e imprenditori locali, costretti a subire estorsioni attraverso attentati dinamitardi e minacce. È stato anche smantellato un consistente traffico di sostanze stupefacenti (cocaina, marijuana e hashish) importate dalla Colombia e dalla Spagna grazie ad alleanze con gruppi criminali camorristici e siciliani. Nel corso delle indagini i carabinieri hanno sequestrato anche un documento manoscritto di affiliazione mafiosa.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia Foggia, due arresti per la faida del Gargano: “Volevano fare carneficina”. “Killer confidava omicidi alla madre”

prev
Articolo Successivo

Roma, blitz del Ros contro il clan Fragalà: 31 arresti. L’intercettazione: “Se mi sento tradito sparo anche a mio figlio”

next