Si tratta di una “intimidazione attribuibile allo Stato”. Non è andato giù al Consiglio d’Europa il “bacione” che il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha inviato a Roberto Saviano, annunciando sui social la revisione dei metodi per l’assegnazione delle scorte. L’organizzazione internazionale ha aggiunto quella che considera una “minaccia” del titolare del Viminale alle ‘allerte’ pubblicate sulla piattaforma per la protezione dei giornalisti. Un monito nei confronti del vicepremier da parte di Strasburgo che ha classificato il caso tra quelli di massima pericolosità per l’incolumità dei giornalisti.

Il casus a cui si fa riferimento risale alla scorsa settimana, quando Salvini aprì una sua diretta Facebook con un “bacione a Saviano” per poi proseguire: “Sto lavorando anche a una revisione dei criteri per le scorte che impegnano ogni giorno in Italia più di duemila donne e uomini delle forze dell’ordine”. “Non interverrò su casi personali”, specificò allora Salvini che già in passato, però, ventilò l’ipotesi di “valutare” la possibilità di togliere la scorta allo scrittore campano, salvo poi tornare sui suoi passi giorni dopo. Dichiarazioni che tornano anche nella nota del Consiglio d’Europa, nel passaggio in cui si spiega che “questa non è la prima volta che Salvini minaccia Saviano di togliere la protezione della polizia”.

“Aggiorneremo i criteri valutando oggettivamente e tecnicamente, non politicamente, per simpatia o antipatia, perché il tema della sicurezza è troppo delicato – le parole di Salvini della scorsa settimana – Ci saranno criteri oggettivi per verificare chi avrà più bisogno di più protezione e chi invece, non correndo più alcun rischio a detta dei tecnici degli uffici competenti, potrà fare a meno di quei carabinieri, poliziotti o finanzieri di scorta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rsi, l’Italia non può più vedere la tv svizzera. Stop al segnale sul digitale terrestre che arrivava oltreconfine

prev
Articolo Successivo

Rai, Poletti da Rete4 a UnoMattina. Usigrai: “Salvini incassa, offesa a interni”. Mentana: “Perché Lerner sì e lui no?”

next