Sono stati segnalati 11 casi di epatite, non infettiva e non contagiosa, legati al consumo di integratori a base di curcuma. I casi diagnosticati, precisamente di epatite colestatica acuta, sono stati segnalati dall’Istituto superiore di sanità. Il ministero della Salute ha invitato i consumatori, a titolo precauzionale, “a sospendere temporaneamente il consumo di tali prodotti. Sono in corso le verifiche per individuare la causa responsabile dei casi di epatite”. In Toscana sono stati registrati 4 degli 11 casi.

I prodotti che sono stati associati ai casi di epatite sono i seguenti: Curcuma liposomiale più pepe nero, lotto 1810224, scadenza 10/21, prodotto da Laboratories nutrimea con sede e stabilimento di produzione rue des Petits Champs 20, FR 75002, Parigi; Curcuma 95% Maximum, lotto 18L264, scadenza 10/2021, prodotto da Ekappa laboratori srl per conto di Naturando; Curcuma complex, Bai aromatici per conto di Vitamin shop; Tumercur, Sanandrea, Movart Scharper Spa, stabilimento a Nichelino; Curcuma Meriva 95% 520mg Piperina 5 m,  Farmacia dr Ragazzi, Malcontenta; Curcuma Buoni di natura, Terra e Sole; Curcumina Plus 95%, lotto 18L823, Ni.va prodotto da Frama; Curcumina 95% Kline, lotto 18M861, Ni.va prodotto da Frama; Curcumina Plus 95% piperina [email protected] , lotto 2077-Lot 19B914 e 18c590, Ni.va prodotto da Frama.

Non sembra esserci nessun rischio, invece, per l’uso della curcuma in cucina, secondo Ciro Vestita, fitoterapeuta e nutrizionista dell’università di Pisa: “Una spezia benefica, che non ha praticamente effetti collaterali, soprattutto se si utilizza la radice fresca. A meno che non se ne abusi, e per farlo bisognerebbe utilizzarla praticamente in ogni alimento. Ma anche in questi casi gli effetti si limiterebbero a gastrite, nausea, vomito. Non certo ad epatite”. Sui casi segnalati, il medico ha detto che “al momento non è chiaro cosa sia successo. Attendiamo di saperne di più”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, la campagna elettorale si chiude con il blocco ai cantieri nel centro storico

prev
Articolo Successivo

Orbassano, “la bimba è in condizioni gravi anche se ci sono miglioramenti”. Caccia al pirata che ha investito la madre

next