Dopo cinque giorni al buio, è tornata la luce nel palazzo al numero 55 di via Santa Croce in Gerusalemme, a Roma. Nell’edificio occupato vivono “450 persone di tutte le nazionalità, tra i quali 98 minori, alcuni in gravi condizioni di salute”, riferisce Andrea Alzetta, portavoce di Spin Time Labs, l’associazione legata al condominio. La corrente elettrica era stata staccata dall’azienda Hera per morosità. A riattaccare la luce, secondo quanto riportato da diverse agenzie, è stato il cardinale elemosiniere Konrad Krajewski. “Sono intervenuto personalmente ieri sera – ha dichiarato il religioso – per riattaccare i contatori. È stato un gesto disperato. C’erano oltre 400 persone senza corrente, con famiglie, bambini, senza neanche la possibilità di far funzionare i frigoriferi”. Alzetta definisce “un’esagerazione giornalistica” la notizia che sia stato l’elemosiniere vaticano a “fare il miracolo”. Domani, dicono fonti all’Adnkronos, sarà presentato un esposto in Procura.

Lo stabile, proprietà della Banca Finnat, era stato occupato il 12 ottobre 2013 dal movimento “Action”. Nel corso degli anni si è progressivamente popolato. Oggi all’interno ci sono anche un’osteria, un laboratorio di birra artigianale, una falegnameria, una sala prove. Il palazzo è, secondo gli attivisti, “un punto di approdo, aperto a tutti, attento ai giovani, agli ultimi e ai più bisognosi”. Il debito accumulato dal 2013 sembra che superi i 300 mila euro, per questo lo stacco della corrente. “Siamo senza acqua e luce da tre giorni”, aveva dichiarato Spin Time Labs. “Ma non sarà certo il buio a fermarci. Questo è un’appello alla città di Roma”. Gli occupanti hanno tuttavia saputo che il Campidoglio non salderà le bollette della luce arretrate.

Quando il cardinale Krajewski è arrivato al palazzo e ha visto il disagio degli abitanti – hanno raccontato le agenzie – ha personalmente riallacciato la corrente. Il religioso, braccio caritativo del Papa, era ritorno da Lesbo dove ha portato la solidarietà ai profughi presenti nell’isola greca. Lì è stato informato della grave situazione dello stabile. “Ha sentito il dovere di compiere un gesto umanitario”, sottolineano alcune fonti vaticane, un atto “compiuto dal cardinale nella piena consapevolezza delle possibili conseguenze d’ordine legale cui ora potrebbe andare incontro, nella convinzione che fosse necessario farlo per il bene di queste famiglie”.

Il portavoce dello stabile ridefinisce l’intervento dell’elemosiniere, e spiega che “della vicenda si è interessata la responsabile della distribuzione del cibo dei poveri, quella di medicina solidale, le persone che lavorano lì, visto che la politica non riusciva a risolvere la situazione”. Ad aggiunge: “L’elemosiniere del Papa non credo faccia l’elettricista, oltretutto non c’erano sigilli, semplicemente avevano staccato la corrente. Anche questa è una fantasia giornalistica”. Alzetta difende infine l’occupazione del palazzo: “Nell’edificio si fa un percorso di rigenerazione urbana e sociale, era un palazzo rimasto invenduto e abbandonato a se stesso al quale noi nel 2013 abbiamo ridato vita con un progetto fatto insieme alle università di Roma e tante realtà del territorio. Facciamo concerti di musica classica, spettacoli: per questo molti artisti ci hanno sostenuto”.

Domani, secondo quanto riporta l’Adnkronos, sarà presentato un esposto in Procura contro ignoti per la violazione dei sigilli della cabina elettrica di media tensione. La manomissione della cabina avrebbe potuto portare conseguenze anche mortali qualora fosse stata effettuata una manovra errata ed è per questo che la segnalazione è un atto dovuto da parte del Gruppo Acea, la cui società di distribuzione, Areti Spa, era stata obbligata a interrompere la fornitura su incarico del Gruppo Hera, cui fa capo il contratto del palazzo. Pochi giorni fa, il gruppo aveva precisato in una nota la sua posizione sulla vicenda dello stabile Spin Time: “Hera Comm è risultata aggiudicataria della gara pubblica per il servizio di salvaguardia elettrica nella regione Lazio. Tale servizio permette ai clienti che si trovano senza un fornitore di energia elettrica a mercato libero di continuare a ricevere la fornitura, purché regolari nel pagamento delle bollette. Anche lo stabile Spin Time rientra tra i clienti del servizio di salvaguardia. Poiché le forniture non venivano corrisposte dello stabile, Hera Comm, essendo titolare del credito, come previsto dallo stesso regolamento di salvaguardia, ha sollecitato Areti Spa, società di distribuzione del Gruppo Acea, per l’interruzione della fornitura. Quando le bollette saranno pagate, verrà tempestivamente ripristinata la fornitura”.

Intanto all’attacco del cardinale è partito il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che chiede il pagamento delle bollette arretrate proprio da parte dell’elemosiniere: “Conto che l’elemosiniere del Papa, intervenuto per riattaccare la corrente in un palazzo occupato di Roma, paghi anche i 300mila euro di bollette arretrate”, ha detto durante un comizio elettorale a Bra (Cuneo). “Penso che voi tutti, facendo sacrifici, le bollette le paghiate – aggiunge rivolgendosi ai presenti – Se qualcuno è in grado di pagare le bollette degli italiani in difficoltà siamo felici”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Traforo del Gran Sasso, Strada dei Parchi: “Chiuso dal 19 maggio”. Mit: “Se accade, revoca concessione”. Incontro martedì

prev
Articolo Successivo

“Torri gemelle vuote, la gravità non esiste”. Terrapiattisti a Palermo, ma sono più i curiosi dei seguaci: “Qui per ridere”

next