Dal 19 al 23 giugno Torino ospiterà per il quinto anno Parco Valentino, il “Salone diffuso” dedicato ai motori, in tutte le declinazioni possibili. “Parco Valentino evolve e si conferma l’evento di riferimento per il sistema automotive e di trasporti italiano”, parola di Andrea Levy, patron dellla kermesse: un evento, quest’anno, incentrato sulle nuove forme di mobilità e non a caso la cerimonia di apertura sarà affidata proprio a un’auto a guida autonoma. Un taglio del nastro significativo per il Comune del capoluogo piemontese attualmente impegnato, in collaborazione con altri partner, a un progetto di guida autonoma e tecnologia 5G per la mobilità integrata.

Gli appuntamenti in agenda sono tanti, così come i brand che saranno presenti, circa 40 per il momento (ma potrebbero arrivare altre adesioni): Abarth, Alfa Romeo, Audi, BMW, Bugatti, Chevrolet, Citroën, Dallara, DR, Fiat, GFG Style, Honda, Italdesign, Jaguar, KIA, Lancia, Lexus, Mazda, Mercedes-Benz, Militem, Mitsubishi, Nadir Yachts, Pagani, Pininfarina, Porsche, RAM, SsangYong, SEAT, Škoda, Smart, SPICE-X, Studiotorino, Suzuki, Tesla, Toyota, Trenitalia, UP Design, XEV e Yamaha.

Grande attenzione alla mobilità sostenibile, con Focus Auto Elettriche che vedrà la partecipazione di Enel X, dedicato alle “pure” EV, alle ibride plug-in e alle full hybrid, con un’esposizione dei modelli che beneficeranno dell’ecobonus introdotto quest’anno dal ministero dei Trasporti. Con MoveTo, invece, saranno presentati IDRAkronos, prototipo di auto a idrogeno, e XAM, modello ibrido.

Tante le sfilate e i raduni dedicati ai motori ruggenti, dalle monoposto che hanno fatto la storia del motorsport di Formula 1 alle vetture storiche di collezionisti di tutto il mondo. E poi ancora non mancheranno i compleanni (ultracentenari e non) da celebrare: 110° anniversario per Bugatti che porterà in mostra Chiron e Veyron, Citroen invece spegnerà le sue prime 100 candeline con 100 esemplari dei club di tutta Italia; tra le anziane, una giovane MX-5, trentenne roadster di Mazda che per l’occasione avrà a disposizione la cornice della mole Antonelliana e poi festeggiamenti per i 25 anni di Fiat Coupè, nata dalla matita di Pininfarina.

Ma Parco Valentino 2019 non sarà solo auto e moto: l’evento per la prima volta apre anche al settore nautico con Nadir Yachts, che propone in anteprima mondiale il suo yacht Titanium 40, e poi vedrà la partecipazione di Trenitalia, che per l’occasione presenterà il nuovo modello di treno regionale.

Infine premi e riconoscimenti come il Car Design Award per eleggere il miglior design di prodotto, miglior design di concept car e miglior brand design language; il Collector’s Award, rivolto ai collezionisti internazionali e conferito dai più importanti designer automobilistici italiani, e ancora il Parco Valentino Designer Award e Parco Valentino Classic, quest’ultimo primo concorso di eleganza per auto storiche e di prestigio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brembo, l’ex-Nissan Daniele Schillaci sarà il nuovo amministratore delegato

next
Articolo Successivo

Marelli, ecco il nuovo logo dopo l’unione con i giapponesi di Calsonic Kansei

next