Venti chef, sette dei quali stellati, e 8 camerieri con sindrome di down. Ospiti della cena – organizzata da Miscusi, primo brand italiano di sola pasta, e da Solidart, associazione specializzata nell’organizzazzione di eventi no proifit – sono state oltre 200 persone che hanno deciso di finanziare l’associazione Il Balzo, che gestisce un temporary restaurant nel capoluogo lombardo gestito dai ragazzi protagonisti tra i tavoli dell’Apollo Club. Il ricavato servirà per migliorare la struttura ricettiva esistente e per dotarla di appartamenti ad uso dei ragazzi allo scopo di sviluppare sempre più autonomia nei disabili (lavoro e alloggio). Guidati dallo chef stellato Simone Ciccotti, coadiuvato da oltre 20 chef da tutti Italia, 15 volontari di Miscusi hanno servito con 8 dei ragazzi de Il Balzo. Presenti altri chef stellati tra cui Tano Simonato, Ugo Alciati, Sergio Mei, Gaetano Trovato, Filippo Sinisgalli. Nel corso della serata sono stati raccolti oltre 10mila euro per l’associazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pakistan, Asia Bibi è arrivata in Canada: aveva scontato 8 anni in carcere per blasfemia

prev
Articolo Successivo

Oxfam: due miliardi di persone non hanno accesso ai farmaci. Solo nel 2017 sono morti tre milioni di bambini

next