Care navigatrici, cari navigatori,

Sono Peter Gomez, vi scrivo perché solo voi potete darci la possibilità di continuare a raccontare quello che gli altri non dicono. Vi scrivo per chiedervi di sottoscrivere un abbonamento. Abbonarsi e sostenere ilfattoquotidiano.it significa infatti permettere a me ai miei colleghi di lavorare con tranquillità senza mai subire i ricatti delle banche, della politica e della pubblicità.

In questi dieci anni il nostro-vostro sito è cresciuto molto. Siamo il terzo giornale on line italiano tra quelli che hanno anche una versione cartacea: secondo Google Analytics viaggiamo ormai a una media di quasi due milioni di visitatori unici al giorno. Ma vogliamo crescere ancora. Vogliamo inseguire il sogno di diventare un giorno il primo sito di informazione del nostro Paese. Per questo abbiamo bisogno di voi.

Abbiamo bisogno di fondi per assumere altri giornalisti e collaboratori con regolari contratti. Abbiamo bisogno di forze nuove per migliorare la qualità della nostra informazione e per commettere meno errori.

Lo scorso anno, anche grazie al supporto di quasi 7mila sostenitori, per la prima volta i bilanci del sito si sono chiusi in pareggio. Ma in momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più. Dobbiamo raggiungere il maggior numero di persone possibili con le nostre storie, inchieste e notizie.

Per questo per noi i sostenitori sono fondamentali. Come sapete, al prezzo di un cappuccino alla settimana, chi si abbona al sito può partecipare in diretta streaming alle riunioni di redazione dandoci indicazioni importanti in tempo reale sui temi da affrontare e le inchieste da mettere in calendario. Inoltre chi si abbona naviga senza pubblicità e può consultare liberamente l’archivio del giornale di carta diretto da MarcoTravaglio. Mentre nel Blog Sostenitori vengono pubblicati molti post inviati in redazione dai nostri abbonati. Nei prossimi mesi nascerà anche una sezione del nostro giornale on line completamente dedicata solo a chi ci sostiene.

Il nostro-vostro sito resterà però libero perché libera secondo noi deve restare l’informazione. Per questo vi chiedo di abbonarvi e lo domando anche a chi a volte storce il naso per le nostre scelte. Perché credo che chiunque ci legga si renda conto come solo su ilfattoquotidiano.it vengano ospitate nella colonna dei blog punti di vista di ogni tipo (anche diversi dai nostri) e come in questo sito si tenti ogni giorno di tenere ben separati i fatti (pubblicati a destra) dalle opinioni (pubblicate a sinistra).

Certo, ci sono molte cose ancora da mettere a posto. Ma con il vostro aiuto sarà più facile farlo.

Continuate, se volete e potete, a starci vicino. Diventate utenti sostenitori!

Grazie,

Peter Gomez

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Everest, dimenticatevi Jake Gyllenhaal. Su quegli Ottomila c’è solo sangue e merda

prev
Articolo Successivo

Quella condizione rara che provoca nelle donne fino a cento orgasmi al giorno

next