Sul Blog delle Stelle l’invito del M5s alla coerenza sul caso Siri: “La Lega tiri fuori le palle”. La risposta a Di Maio la dà Salvini da un palco elettorale a Roma: “La mia parola è una e questo governo va avanti cinque anni – afferma il leader del Carroccio – basta che la smettano di chiacchierare e rompere le scatole. Per parole hanno un peso – ci tiene a puntualizzare Matteo Salvini, che sottolinea – quando qualcuno dice Salvini tiri fuori le palle, il ministro dell’Interno riceve proiettili per la guerra che fa alla Mafia, con i fatti, non con le chiacchiere – e ribadisce – lo dico a tutti: destra e sinistra tappatevi la bocca, lavorate e smettete di rompere le scatole e d’insultare e minacciare il prossimo e questo è l’ultimo avviso”.

Frase che il Ministro al termine dell’evento spiega così ai cronisti: “Se era riferito agli alleati di governo? Tutti, giornalisti, i Saviano, tutti opposizioni e maggioranza – mentre mostra alle telecamere delle foto in cui vi sono delle minacce di morte rivolte a lui – un conto sono le critiche un conto sono le minacce di morte. Sono stufo. Tutti stiano tranquilli e riportiamo il dibattito a quello che merita”. Sia prima dell’evento che al termine dello stesso il Ministro dell’interno, vicepresidente del Consiglio e leader della lega non ha risposto a domande sul caso Siri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cnel, Fraccaro: “Proposta di abolizione arriva in Senato”. Negli ultimi giorni l’ente ha presentato un ddl per salvarsi

next
Articolo Successivo

Fabio Fazio a Salvini: “Non viene in trasmissione? Spiace, sarebbe stato interessante sentire la sua posizione”

next