Il sindaco di Bagheria sarà processato per abuso d’ufficio, stalking e lesioni personali. Il gup del tribunale di Termini Imerese, Claudio Bencivinni, ha infatti disposto il rinvio a giudizio per Patrizio Cinque, eletto con il Movimento 5 stelle, il suo vice Fabio Atanasio e l’ex assessore Luca Tripoli. Il giudice ha accolto la richiesta del pubblico ministero Luisa Vittoria Campanile. È stato disposto il rito abbreviato per l’ex segretario comunale Eugenio Alessi. A dare la notizia è il sito livesicilia.it.

Il sindaco avrebbe compiuto i reati a danno di una dirigente del comune, Laura Picciurro, difesa dall’avvocato Giacomo Aiello. La dirigente sarebbe stata vittima di “reiterati comportamenti e provvedimenti posti in essere per finalità ritorsive e persecutorie preordinati al fine di umiliare, vessare, emarginare e penalizzare il dirigente”.
Dal marzo del 2015, la dirigente è stata oggetto di tredici contestazioni. La donna ha sostenuta di essere stata “mobbizzata” e punita con la sospensione dal servizio per motivi disciplinari con contestuale sospensione dello stipendio. Un provvedimento ritenuto illegittimo già dal Tribunale del lavoro di Palermo, che condannò il Comune a reintegrare la Picciurro e a pagarle i 93mila euro di stipendi non percepiti. Dopo l’esplosione di un’altra inchiesta, per turbativa d’asta, falso, abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio e omissione di atti, Luigi Di Maio aveva scaricato Cinque. “Non è un sindaco del Movimento”, aveva detto. A Bagheria si vota domenica prossima: Cinque non si è ricandidato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Siri chiese ad Arata l’aiuto degli amici Usa per fare il ministro”. Il docente: “Oggi in Parlamento c’è la legge”

next
Articolo Successivo

Napoli, l’inchiesta lumaca su Gori spa: tutto prescritto. E M5s chiede l’invio degli ispettori dal ministero di Giustizia

next