Le telecamere dei carabinieri li hanno ripresi “anche mentre spaccavano bottiglie di vetro in testa ai giovani clienti”a cui vendevano hashish e marijuana “tra i vicoli del centro storico, all’uscita di scuola o all’ora dell’aperitivo“, come spiegano gli investigatori. È la banda di spacciatori gambiani e nigeriani arrestata questa mattina nell’operazione ‘Piazza Pulita‘ condotta da oltre cento militari dell’Arma con l’aiuto di un elicottero e di unità cinofile. Oltre agli arresti, anche perquisizioni nelle case abbandonate utilizzate dai trafficanti per nascondere la droga: dosi di hashish e marijuana sono state sequestrate.

Gli arresti, eseguiti sulla base di un fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura di Agrigento, si sono resi necessari, spiegano gli investigatori, “anche a seguito delle forti tensioni che si erano registrate nel centro storico tra la onesta e operosa comunità di senegalesi e gli spacciatori, ritenuti responsabili di un insostenibile stato di degrado tra i vicoli della città”. La banda di trafficanti di droga arrestata all’alba “spacciava a cielo aperto” e “agiva con grande violenza“, sottolineano infatti gli inquirenti, raccontando delle bottiglie spaccate in testa ai clienti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Air France, Ingroia: “Io come Assange, vittima di uso pretestuoso della sicurezza. È stata banale lite con steward”

prev
Articolo Successivo

Roma, lite tra due clochard: ‘Accoltellato perché aveva crocifisso’. Salvini scrive a prefetti, M5s: ‘Non basta, rimpatri fermi’

next