Una giornalista 29enne è stata uccisa a Londonderry, in Irlanda del Nord, in quello che la polizia ha definito un “incidente terroristico“. “Posso purtroppo confermare che a seguito di scontri a colpi d’arma da fuoco la notte scorsa a Creggan è rimasta uccisa una donna di 29 anni”, ha scritto su Twitter il numero due della polizia nordirlandese, Mark Hamilton, annunciando l’apertura di un’inchiesta. Dalle prime notizie, gli scontri a Londonderry con i dissidenti repubblicani sono scoppiati dopo alcuni raid della polizia in abitazioni nelle zone di Mulroy Park e Galliagh. La polizia non ha identificato ufficialmente la vittima, che è stata identificata come Lyra McKee, reporter che poco prima di essere uccisa aveva pubblicato un’immagine dei disordini nella città, scrivendo “Derry questa notte. Follia totale”.

Secondo l’agenzia Janklow&Nesbit, la 29enne è nata a Belfast e si è lungamente occupata del conflitto nordirlandese e delle sue conseguenze. “Ero a fianco di questa giovane donna, quando è caduta accanto a una Land Rover”, “ho chiamato un’ambulanza per lei ma la polizia l’ha messa nel retro del veicolo e l’ha portata all’ospedale, dove è morta”, ha raccontato su Twitter la giornalista del Belfast Telegraph, Leona O’Neill. Secondo le immagini diffuse sul social network da quest’ultima, la polizia è stata bersagliata di spari e lanci di bombe Molotov durante un’operazione di sicurezza nel quartiere di Creggan. Le violenze arrivano appena prima del fine settimana di Pasqua, in cui i repubblicani celebrano la Rivolta di Pasqua del 1916.

Londonderry, alla frontiera irlandese e anche chiamata Derry, è tristemente nota per il Bloody Sunday del 30 gennaio 1972, quando l’esercito britannico aprì il fuoco su una manifestazione pacifica uccidendo 14 persone, al picco dei Troubles che in trent’anni causarono la morte di 3.500 persone. A gennaio a Londonderry era stata fatta esplodere un’automobile, evento che aveva fatto temere una nuova ondata di violenza proveniente da gruppi paramilitari, in piena tensione per la Brexit. La frontiera nordirlandese è uno dei punti più controversi e fonte di maggiori tensioni nel divorzio tra Regno Unito e Unione europea.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russiagate, rapporto Mueller: “Nessuna azione illegale, ma non escludiamo tentativi Trump di influenzare inchiesta”

prev
Articolo Successivo

Scontri in Irlanda del Nord, bombe carta con la polizia e spari in strada: le persone fuggono urlando. Le immagini

next