Scontro nel corso del question time tra il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e il Partito democratico in tema di rimpatri e decreto Sicurezza. Il ministro ha sottolineato il numero dei rimpatri volontari assistiti: “Dal primo gennaio a oggi ne sono stati fatti 1.283”, per poi rivendicare come, a suo dire, la riforma del sistema Sprar “non sia una limitazione del diritto di accedere al modello di accoglienza, ma una razionalizzazione in base agli standard europei”. E ancora: “Con i buoni più morti in mare che con me”, ha provocato, attirandosi le ire dei deputati dem. A replicargli Emanuele Fiano: “Sono in imbarazzo perché non so se sia più reticente o mentitore. Mentì in campagna elettorale dicendo che avrebbe rimpatriato più di 500mila irregolari, mente oggi perché sta abbassando il numero dei rimpatri rispetto all’anno scorso”.
Uno scontro al quale è seguita poi l’interrogazione, sempre sul tema dei migranti, della Lega, alla quale il ministro ha replicato continuando a sbandierare: “Possono aprire 50 processi, per me porti restano inaccessibili e chiusi ai trafficanti di essere umani”. Parole alle quali i leghisti hanno applaudito, mentre tra i banchi dei 5 Stelle i presenti sono rimasti impassibili e in silenzio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, il candidato del centrodestra: “25 aprile ideologico, non vado”. L’Anpi: “Non sa che è medaglia d’oro per la Resistenza”

next
Articolo Successivo

Firenze, i 5 Stelle si spaccano sulla candidatura di De Blasi alle Comunali: rischio scissione o “boicottaggio”

next