Era attesa, anche in Italia, dopo le polemiche per quella sul terremoto nel Centro-Italia e sul crollo del ponte Morandi di Genova. E puntuale la satira è arrivata anche quando a collassare è stata la cattedrale di Notre-Dame, simbolo di Parigi e dell’intera Francia. Il settimanale satirico Charlie Hebdo ironizza sul rogo che ha devastato il capolavoro gotico con una copertina che ritrae Emmanuel Macron con la cattedrale in fiamme sulla testa. Nel disegno, si vede la faccia del presidente con un sorriso crudele e le torri di Notre-Dame in testa come una corona. Le fiamme si alzano e Macron dice “Riforme: io comincio dalla struttura”, intesa come la charpente della cattedrale, ovvero l’intelaiatura in legno che sosteneva la cupola, totalmente distrutta dall’incendio. Lunedì, infatti, era in programma l’annuncio del piano di riforme volute dall’Eliseo, rimandato a causa dell’incidente a Notre-Dame.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio Notre-Dame, iniziata la raccolta fondi. Dalle istituzioni ai big del lusso: Kering e Lvmh offrono 300 milioni

next