Apple e la Stanford University School of Medicine hanno pubblicato i risultati aggiornati della ricerca Apple Heart Study in corso dal 2017, e che ha coinvolto diverse versioni dello smartwatch Apple Watch. Sotto la lente d’ingrandimento è da sempre l’affidabilità dell’app che utilizza i dati di un sensore di pulsazioni per identificare la fibrillazione atriale.

Quello che è emerso al termine del periodo di test è che solo lo 0,5 percento degli oltre 400mila partecipanti ha ricevuto notifiche di irregolarità nella frequenza cardiaca. Dato che questa anomalia può essere associata a ictus e a insufficienza cardiaca, era di particolare importanza non scatenare panico nei pazienti e non far impennare inutilmente il numero di esami prescritti.

I pazienti che hanno ricevuto le notifiche sono stati sottoposti ad elettrocardiogramma mediante un cerotto ECG. Dal confronto è emerso che l’algoritmo Apple ha un valore predittivo positivo pari al 71%. Un terzo (34%) dei partecipanti che ha ricevuto la notifica dallo smartwatch ed è stato poi sottoposto a esame approfondito usando un cerotto ECG, ha riscontrato fibrillazione atriale. Il 57% di coloro che hanno ricevuto notifiche è ricorso al medico per chiedere esami approfonditi.

Ricordiamo che nello studio era inclusi gli Apple Watch 1, 2 e 3. L’Apple Watch 4 ne era escluso perché messo in commercio a studio già avvitato. È doveroso sottolineare che le informazioni rilevate con lo smartwatch non sostituiscono gli strumenti medici e una diagnosi clinica specializzata. Possono essere un punto da cui partire per andare dal medico e chiedere indagini più approfondite. I ricercatori hanno partecipato allo studio (totalmente finanziato da Apple) per verificare in maniera obiettiva quali siano le potenzialità degli smartwatch, non con l’idea di impiegarli per fare diagnosi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il palloncino robot afferra con delicatezza anche gli oggetti molto pesanti

prev
Articolo Successivo

La maggior parte degli antivirus per smartphone Android è inutile

next