Le Intelligenze Artificiali stanno spopolando, con la promessa di semplificare la nostra vita. Il cambiamento più sostanziale potrebbero apportarlo alla vita delle persone ipovedenti o non vedenti. Milioni di utenti in tutto il mondo che hanno difficoltà a leggere e a percepire l’ambiente circostante. Fra le aziende più impegnate nello sviluppo di soluzioni di supporto basate su Intelligenza Artificiale ci sono Google e Microsoft, con due progetti differenti nel nome ma molto simili nelle funzioni: Lookout e Seeing AI, vediamo di che cosa si tratta.

Google Lookout e Microsoft Seeing AI: Intelligenze Artificiali al servizio degli ipovedenti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il riconoscimento vocale sugli smartphone Android funzionerà anche senza Internet e aiuterà chi ha problemi fisici

prev
Articolo Successivo

Acquisti online, dal 14 settembre in tutta Europa sarà obbligatoria l’autenticazione in due fattori per garantire i clienti

next