Dopo la simulazione della prima prova, è il giorno del secondo scritto per gli studenti che a giugno affrontano la maturità. Il Miur ha scelto la caduta e la morte di Seiano tratta dal sesto libro degli Annales di Tacito come traduzione dal latino e l’ascesa e la caduta di Seiano dello storico greco Cassio Dione per il confronto con il testo di lingua greca per gli allievi del Classico, che quest’anno per la prima volta si troveranno a dover affrontare una prova che riguarderà entrambe le discipline. E anche la seconda prova per i maturandi dello Scientifico include le due materie di indirizzo, matematica e fisica. Nel loro caso è stata proposta la soluzione di un problema (tra due proposti) e di quattro quesiti contenenti nozioni delle due materie.

In vista delle novità introdotte nell’esame di Stato (che non prevede più tema storico e terza prova), il Ministro Marco Bussetti ha voluto predisporre specifiche misure di accompagnamento per le scuole, i docenti, gli studenti. In particolare, oltre agli incontri che si stanno svolgendo sui territori già dallo scorso novembre, il Miur, in questi mesi che precedono l’esame, elaborerà esempi sia per la prima, sia per la seconda prova, tenendo conto delle discipline individuate per il secondo scritto con l’apposito decreto del Ministro pubblicato lo scorso 18 gennaio. Dunque esempi coerenti con quelle che saranno le prove di giugno. Sono quattro le giornate di pubblicazione di esempi di prove programmate. Le prossime simulazioni sono previste per il 26 marzo (prima prova) e il 2 aprile (seconda prova). Le tracce sono state pubblicate nella sezione “Esami di Stato” del sito Ministero dell’Istruzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diplomati magistrali, il Consiglio di Stato conferma: “Devono restare fuori dalle graduatorie per l’assunzione”

prev
Articolo Successivo

Università, come si piazzano gli atenei italiani in Ue? Cerchiamo di capirlo

next