La prossima volta che comprerete un PC probabilmente vi troverete davanti la nuova sigla “USB 3.2”, che potrebbe mandarvi in confusione. Il motivo è che l’organizzazione che si occupa di definire gli standard USB (l’USB Implementers Forum), ha comunicato ufficialmente le specifiche finali del nuovo standard USB 3.2. La conseguenza è che cambieranno le nomenclature attualmente in vigore, creando un po’ di smarrimento in chi credeva di avere le idee chiare.

Foto: Depositphotos

 

Partendo dall’inizio, i connettori USB non sono tutti uguali. I numeri e le sigle accanto alla scritta “USB” identificano la velocità con cui vengono trasferiti i dati da e verso i dispositivi. Per intenderci, se per esempio il vostro vecchio PC ha una porta USB 3.0 (nella vecchia nomenclatura) potrà trasferire i dati a un disco fisso esterno alla velocità massima di 5 Gbps (gigabit per secondo). È inutile acquistare un disco fisso esterno che supporta la velocità di 20 Gbps, perché comunicando con il PC non supererà comunque i 5 Gbps.

Non servono cavi differenti per far comunicare due dispositivi che viaggiano a velocità differenti. Semplicemente la velocità si adatta al più lento. Il motivo per il quale è importante conoscere qual è lo standard USB di PC e periferiche è la velocità massima a cui viaggeranno i dati.

Veniamo al nuovo standard: che cosa cambia? I nomi associati alle varie velocità. Li riassumiamo:

  • USB 3.2 Gen1 o SuperSpeed USB è la nuova sigla che sostituisce le vecchie USB 3.0 e USB 3.1. Identifica una velocità di trasferimento dati fino a 5 Gbps.
  • USB 3.2 Gen 2 o SuperSpeed USB 10Gbps è la nuova sigla che sostituisce la vecchia USB 3.1 Gen 2. Identifica una velocità di trasferimento dati fino a 10 Gbps.
  • USB 3.2 Gen2x2 o SuperSpeed USB 20Gbps identifica una velocità di trasferimento dati fino a 20 Gbps.

I dispositivi USB 3.2 Gen2x2 non sono ancora arrivati sul mercato. Stando a informazioni non ufficiali dovrebbero essere in commercio genericamente entro la fine del 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Energizer Power Max P18K Pop è lo smartphone con una settimana di autonomia, ma è ingombrante e pesante

prev
Articolo Successivo

next