Mercato italiano degli immobili commerciali in calo nell’anno appena concluso: come riportato da un recente articolo di Immobiliare.it, nel 2018 gli investimenti nel comparto non residenziale sono calati del 22% rispetto all’anno precedente, quando i volumi avevano raggiunto la cifra record di 11 miliardi euro.

In calo sì, ma meno del previsto

Prendendo in considerazione i dati forniti da Cbre Italia si rileva una contrazione degli investimenti nel non residenziale, fermi a quota 8,8 miliardi di euro. La vivacità del quarto trimestre 2018, indicato come uno dei migliori quarti trimestri degli ultimi cinque anni, ha però reso meno pesante la flessione del comparto.

Il segmento che ha tenuto meglio è il retail, che si caratterizza come una delle asset class più performanti dell’anno: nonostante la contrazione del 6% rispetto al 2017, ha raggiunto quota 2,2 miliardi di euro. Le cause della decrescita vanno ricercate, in questo caso, nella diffusione dell’e-commerce, che sta rivoluzionando il mondo dello shopping e il modo di fare acquisti imponendo un rinnovamento per centri commerciali e negozi.

Volumi in calo del 17% sul fronte uffici, che ha comunque raccolto investimenti per oltre 3,4 miliardi di euro: se Milano si conferma la location preferita dagli investitori, anche Roma mantiene performance positive. Tra i settori più interessanti del 2019, secondo le previsioni di Cbre Italia, ci sarà quello degli hotel: nei dodici mesi appena conclusi il comparto ha raggiunto la cifra di 1,3 miliardi di euro di investimenti, rimanendo sostanzialmente in linea con il 2017.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La casa del futuro? Confortevole, smart ed eco-friendly!

prev
Articolo Successivo

Mutui casa: giù le richieste, in aumento l’importo medio

next