Vendite di smartphone in stallo, iPhone in calo, Huawei in crescita. È questa in sintesi la fotografia del mercato mobile scattata dalla società di ricerca Gartner, in relazione agli ultimi tre mesi del 2018. Il bilancio è tutt’altro che positivo, dato che sono state consegnate complessivamente 408,4 milioni di unità, pari a una crescita solo dello 0,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il dato globale non stupisce, dato che rimarca una tendenza già emersa lo scorso anno. L’aumento dei prezzi, a fronte di un rallentamento dell’innovazione incrementale nella fascia alta, “ha scoraggiato i consumatori dal sostituire gli smartphone di fascia” sottolinea l’analista Anshul Gupta di Gartner. Il risultato è che la domanda di smartphone di fascia media e bassa è rimasta forte su tutti i mercati, ma non è bastata a compensare positivamente la frenata dei top di gamma.

A tirare più di tutti il freno a mano è stata Apple. Secondo i conteggi di Gartner le vendite degli iPhone fra ottobre e dicembre 2018 sono state pari a 64,5 milioni di unità, -11,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Gupta interpreta questo dato spiegando che “Apple deve fare i conti con gli acquirenti che ritardano l’acquisto di un nuovi iPhone in attesa di prodotti più innovativi, ma anche con le appetibili alternative di fascia alta e media proposte dai marchi cinesi”.

Fra i top di gamma in prima fila c’è Samsung, che ha riscosso grande successo con prodotti come i Galaxy S9, S9+ e Note9. Però ha ceduto parte delle sue quote di fascia media a Xiaomi e Huawei. Il risultato è che le vendite di Samsung sono complessivamente scese del 4,4% nel quarto trimestre del 2018, mentre quelle di Huawei sono lievitate del 37,6%. L’azienda cinese ha venduto in un solo trimestre oltre 60 milioni di smartphone, sfruttando tutte le opportunità di crescita che aveva.

La classifica dei produttori di smartphone per il periodo compreso fra ottobre e dicembre 2018 vede quindi Samsung al primo posto, Apple medaglia d’argento e Huawei terza. La classifica complessiva per tutto il 2018 è simile alle prime tre posizioni, Xiaomi è quarta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disney, Nestlé e altre aziende sospendono le pubblicità su YouTube, troppi pedofili online

next
Articolo Successivo

Un malware succhia dati e batterie dagli smartphone Android, ecco come scovarlo e come fermarlo

next