Gmail è fra i servizi di posta elettronica più usati nel mondo, ma nonostante questo a volte si fatica a trovare una mail in archivio. Google ha deciso di semplificare alcune funzioni a tutti gli utenti con una serie di novità a cui si accede con il menu contestuale, attivabile tramite il tasto destro del mouse. In dettaglio si potrà rispondere, inoltrare e cercare mail, e molto altro.

L’aggiornamento sarà operativo a breve e apporterà modifiche importanti al menu contestuale. Se oggi cliccate su una mail in elenco con il tasto destro, vedete poche voci, utili solo per spostare, archiviare o eliminare una mail, oppure contrassegnarla come non letta. Dopo l’aggiornamento ci saranno 12 voci nel menu contestuale, che fra le altre cose vi permetteranno di Rispondere direttamente al mittente, inoltrare la mail, cercare tutte le mail provenienti dallo stesso mittente, oppure tutte quelle con lo stesso soggetto.

Potrete inoltre aprire più mail contemporaneamente in altrettante finestre, aggiungere un’etichetta alla mail senza aprirla e fare uso dell’apposito menu. Tutte queste funzioni aggiuntive servono per lo più a chi usa la mail per motivi professionali, quindi fa uso intenso della corrispondenza. Per questo motivo le nuove funzioni sono riservate agli utenti G Suite, ossia a coloro che hanno sottoscritto un abbonamento con Google per disporre di tutti gli strumenti della sua suite di produttività, che comprende Google Drive, Hangouts, Calendar, Documenti e altro. Le nuove funzioni saranno attive nei prossimi giorni per impostazione predefinita, quindi non serve fare nulla per disporne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Com’era l’Europa nell’800? Visitatela con Mapire, le cartine d’epoca online digitalizzate e georeferenziate

prev
Articolo Successivo

IBM Research lavora alla produzione di cibo sostenibile e sano grazie alla tecnologia e all’Intelligenza Artificiale

next